“Intervista col vampiro” di A.Rice

.

Sta volta mi son fatta fregare da quelle due infingarde di Ross e Carloz e ho accettato di leggere “Intervista col vampiro” di A. Rice.

Quindi oggi parte una bella lettura collettiva a tre che potrete seguire sulla bacheca dell’evento di fb (a questo giro ci siamo limitate a scegliere campo neutro, come è normale per una lettura collettiva): Lettura collettiva “Intervista col vampiro” di A. Rice.

Il terzetto di lettrici è il più eterogeneo (per educazione e storia personale), ma anche quello che si è trovato a condividere un certo modo di fare.

Ross la conoscete perché è La libreria pericolante, mentre Carloz è clubippogrifo dove troverete un umore sarcastico e tagliente e dove vita, libri e film o telefilm si incrociano con arguzia e rasoio a portata di mano. Io vi consiglio di seguire i loro blog perché sono davvero due finestre sul mondo (dei lettori) che pochi possono avere nelle proprie case.

Ora torniamo alla collettiva. Voi vi chiederete “perché fatta fregare”. Primo perché ho mille altri libri presi in biblioteca che dovrei leggere, ma che a sto punto devo rimandare. Secondo perché avevo altri progetti libreschi per questa settimana dedicata all’horror classico (è la settimana di Halloween che per me significa solo dedicarmi all’horror, non mascherarmi e non festeggiare, ma provare solo della sana paura). Terzo perché io sono un licantropo e i vampiri me li magno a colazione pocciati nel thè. Quarto ricordo il film che è stato tratto e mi resi conto che potevo fare altro. Quinto per me i vampiri sono solo Dracula e tutto il resto è copiatura. MA…ma, siccome tocca rischiare nella vita e rischiare con un libro è meno pericoloso che buttarsi da un ponte con un elastico, do alle due fanciulle il beneficio del dubbio e lo leggo con loro, avendole primariamente avvisate del mio rapporto con questi mostri.

Vediamo cosa ne viene fuori, anche se son convinta che ci sarà sicuramente da ridere!

Annunci

8 thoughts on ““Intervista col vampiro” di A.Rice

  1. eh però non vale mica partire prevenute è!!! 😉 Lestat&co vanno presi senza pensare a Dracula classico, ma lasciandosi avvolgere dalle atmosfere nebbiose e romantiche (non nel senso solecuoreamore ovviamente!!!) della Rice, dalla sua prosa elegantissima, dai tormenti dei nostri eroi…. ok ok…amo Lestat (e Louis, e Claudia, e Armand…..:P)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...