“La conferenza degli uccelli” di Peter Sis

A volte mi capita di condividere con gli amici non solo le piccole passioni, anche la voglia di conoscere. Non sono una persona semplice, ma quando un amico mi passa un fumetto in un contesto altro, sono convinta che qualcosa voglia significare.

“La conferenza degli uccelli” di Peter Sis

Così ho avuto fra le mani il fumetto “La conferenza degli uccelli” di Peter Sis.

Non è facile parlare di questo fumetto perché non rientra nel classico seguire di vignette, nemmeno è nella categoria delle graphic novel (termine molto chic per sdoganare il fumetto classico), ma forse è più simile alla pittura unita alla poesia. E’ qualcosa che va letto, riletto e metabolizzato e poi lasciato andare come se fosse qualcosa di più profondo che un semplice svago. Ma sapevo che il Turcoop non mi avrebbe passato un libricino semplice e fatto per la massa: ah, lo so, noi siamo gente d’elite! 😀

Cosa racconta? Beh…sembra facile dirlo, basterebbe raccontare di un upupa che convince gli uccelli a seguirla alla ricerca del regno del re perduto Simurg. Oppure basterebbe dire che è tratto da un poema persiano del XII secolo. Detto questo non servirebbe nulla. Il testo mi ricorda qualcosa che ho letto tempo fa e il topos dell’assemblea degli uccelli non mi pare così nuovo (forse un anticipo de “La fattoria degli animali”), ma nuovo è lo stile del racconto, l’alternare delle immagini, dei silenzi, delle parole in rima. Emotivo il susseguirsi dei capitoli come una ricerca, come quella più mitica del prete Gianni oppure del santo graal; emozionante il modo in cui ogni regione, ogni luogo viene caratterizzato; stimolante vedere la cura nel tratto, nel disegno, nel colore. Non c’è pagina o tavola che non denoti un forte studio e impegno e mi piace smentire l’articolo de “La Stampa” che finisce con le parole “meravigliosa ingenuità che consente di dire profonde verità con una leggerezza che non sarebbe dispiaciuta a Italo Calvino”, ritenendo l’ingenuità contraria dello studio e dell’attenzione al particolare.

Peter Sis costruisce con maestria questo gioiellino della narrativa, prendendo spunto dal passato, dimenticando magari le ambientazioni orientali, ampliando l’orizzonte e creando un racconto valido per tutti che costringe il lettore a guardarsi dentro. Il paragone con Calvino è sicuramente azzeccato e aver letto “Le città invisibili” ha sicuramente influito la lettura, per quella sensazione di essere in un posto, ma anche in nessuno; di credere di capire cosa sia il viaggio, ma di capirlo solo alla meta o al ritorno; di non capire che il desiderio di conoscere spinge l’uomo verso mete impensate. Davvero in Sis c’è qualcosa di Calvino, ma non è nè leggerezza nè ingenuità, ma ardore, passione, sconvolgimento, stupore, voglia di stupire, lealtà (perché in nessuno ho visto falsità o voglia di provocare malignamente il lettore) e cultura, tanta cultura.

Un fumetto da leggere, se ne siete convinti, con la pazienza e il silenzio, non temendo di sapere che dovrete rileggerlo, che qualcosa non capirete, che qualcosa verrà metabolizzata subito e qualcos’altro vi rimarrà nel cervello a tormentarvi. Questo fumetto parla al lettore senza mai intromettersi nella sua vita. Gli chiede di fare come uno degli uccelli e di seguire l’upupa; chiede quanto si è disposti a volare. Chiuderlo sarebbe facile, capire dove va a parare altrettanto, ma non si può interrompere se non arrivati alla fine.

Siate upupe e questo vi basti.

la conferenza da dove tutto parte
Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...