“Angel Heart” di William Hjortsberg

Conosco questo libro per essere il riferimento dell’omonimo film che vidi anni fa in compagnia. Il film è stato uno di quelli che più ricordo per le sensazioni claustrofobiche legate al voodoo e tutto quello che vi gira attorno. Quindi quando La libreria pericolante mi ha suggerito la lettura ho accennato, anche se sinceramente non era una lettura troppo adatta per il periodo natalizio. Vabbè…ho delle amicizie strampalate e mi va bene così. Coinvolta anche ClupIppogrifo si è partiti e con sprint (non serve che vi dica che io sono arrivata ultima perché come mio solito sono distratta da mille cose e leggo recuperando all’ultimo).

.

Sin da subito ci si rende conto che film e libro, per quanto vicini, sono due opere totalmente separate sia per resa che per ambientazione. Qui siamo a New York, periodo anni ’60 circa, ma con tantissimi riferimenti alla seconda Guerra Mondiale e al ritorno dei soldati; nel film si era a New Orleans ben più verso gli anni ’80. E’ impensabile non vedere nella mente i protagonisti della vicenda come M. Rourke, De Niro e Lisa Bonet, troppo pregnante l’immaginario del film, ma alla fine tocca dirlo va bene così: i tre attori riesco in modo coerente a dare vita all’investigatore incastrato nella vicenda, al committente e alla sacerdotessa voodoo.

Il continuo e inesorabile scontro fra i protagonisti, mentre alle loro spalle vengono condannati alla morte tutti quelli che li aiutano o li incontrano, porta all’inevitabile conclusione del duello risolutore. Anche qui, come per il libro “Il presagio”, il duello è impari: l’avversario ha molta più esperienza, tempo e scaltrezza per farsi infinocchiare da un semplice mortale. E come il sopracitato libro anche qui manca la controparte positiva, quel Dio che da forza e guarisce (quante le storielle medievali in cui attraverso la sapienza di un uomo di chiesa timorato di Dio si riesce a risolvere tutto!); qui c’è davvero la dannazione, la condanna eterna senza speranza, la solitudine estrema, l’arroganza umana. Anche la sacerdotessa non è altro che una mera figurina, sensuale e sapiente, ma del tutto priva di armi e di forza per contrastare gli eventi (e si vede la fine). Quindi non è un libro sul paranormale oppure un giallo come tutti gli altri, ma è davvero un vortice verso lo svelamento della dannazione di un uomo che alla fine scrupoli e moralità non sanno nemmeno cosa sono.

Scritto benissimo, con la scelta di una scrittura essenziale, pulita, chiara, senza arzigogoli inutili e pesanti; poche pagine che fanno assomigliare questo a un racconto lungo piuttosto che a un vero romanzo; attenzione ai particolari per rendere viva la città e credibili gli eventi.

Malgrado il fatto che mi sia piaciuta la lettura, credo che sarà l’ultimo del genere per molto tempo e me ne tornerò a cose molto più abbordabili e meno suscettibili per la mia immaginazione.

Voto: 8

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...