” X-Men – Giorni di un futuro passato” di Bryan Singer

La saga di X-Men come tutte quelle dei fumetti è lunga e complicata e soprattutto intricata. Negli albi è normale vedere personaggi cambiare, passare da uno schieramento all’altro, a volte subire veri e propri stravolgimenti: normale per albi che escono a scadenza prefissata, che devono vendere ogni volta, che devono sfamare sceneggiatori e disegnatori; normale per chi ha anni sul groppone e deve andare sempre avanti per non chiudere e sparire. L’universo Marvel o DC cambia, muta, stravolge, uccide e fa risorgere, seppellisce definitivamente, senza mai guardarsi alle spalle.

Questo oramai accade anche nei film dove mantenere il filo logico dei fumetti non è scelta facile quando vuoi far andare la bilancia a pari fra incassi e storie. Il problema molto spesso sorge dalle logiche di budget, dal meschino tentativo di portare nelle sale anche coloro che niente hanno a che fare con quello che vedranno (vi ricordate una certa oscena storia d’amore fra nano ed elfa in qualche film appena passato?), dal tentativo a volte di buttare nel cassetto anni di onorata carriera e buttar su carrozzoni inenarrabili. Difficile vedere sul grande schermo un supereroe che non sia stato “manipolato” e “pasticciato” in modo da renderlo quasi irriconoscibile. I reboot sono la panacea per ogni scelta discutibile di film sbagliato: questi possono giustificare ogni stravolgimento, ogni riscrittura, lasciando a bocca aperta appassionati e non.

http://www.mymovies.it/film/2014/xmendaysoffuturepast/

Questo film rientra nel filone e come “innovativa” scelta narrativa si usa il “ritorno al passato”. Per impedire la scomparsa su questa terra di ogni mutante, a seguito di una vera e propria guerra scatenata dagli umani un filino preoccupati di tutto ciò che è diverso, chi si rimanda nel passato (ma solo la sua mente, mentre il corpo rimane ben fisso nel suo periodo)? Logan Wolverine, quello meno mentale fra tutti, quello più fisico. Mi devo essere persa la vera ragione (che deve essere diversa da quella di regalare a noi giovani figliole un meraviglioso nudo, come oramai marchio di fabbrica quando a interpretarlo è H.Jackman) perché la spiegazione data mi è parsa fallata da subito. Rientrato nel suo corpo negli anni ’70 (alla fine della guerra del Vietnam, con Nixon come presidente, con i pantaloni a zampa d’elefante, cose così insomma che non abbiamo mai visto…no, no…), con problemi di stabilizzazione di contatto e con artigli farlocchi in osso, suo dovere è ritrovare Xavier e vedere come cambiare il futuro. Wolverine sarà, proprio perché è stato il prescelto, a ricordare tutto sia prima che durante, ma anche dopo (sempre che le cose vadano a buon fine).

Regia: 6 e mezzo Senza infamia e senza lode, fa il suo compito e gestisce bene tutti gli elementi, ma devo dire che il film non è di quelli che si ricordano del tutto.

Sceneggiatura: 7 Il voto alto è dovuto ai dialoghi che, stranamente, sono meno stereotipati di quanto ci si possa immaginare. Tutto il film alla fine gira attorno alle conseguenze delle nostre azioni e del fatto che sì, a volte, possiamo rimediare ai nostri errori. Quello che siamo è determinato da quello che facciamo, ma questo vuol dire anche che le nostre azioni ricadono sugli altri e non sempre questo è un bene. Con un taglio così moraleggiante, il film ruota attorno al personaggio di Mistica, colei che sembra davvero così lontana dal discernere razionalmente preferendo il puro istinto e anche la propria rabbia.

Scenografia e costumi: 6 Ovviamente film fumettosi come questo prevedono credibilità, normalità e rigore scenico del periodo. Sembra paradossale, ma proprio perché già i personaggi sono sopra le righe è fondamentale che tutto il resto sia il più normale possibile: i personaggi agiranno tentando di mascherarsi (ricordiamo tutti la cabina di Superman vero?) oppure useranno tutto quello che li circonda per ergersi sopra alla banale normalità. Citando Mymovies “Settanta così fortemente caratterizzati da sembrare una parodia di American Hustle” si riesce a comprendere quale sia il vero stile del film.

Fotografia: 7 Ben girato e con quella sensazione di incredibile nel credibile, anche in una sapiente mescolanza di realismo e “riprese originali anni ’70”.

Effetti speciali: 7 Beh, Magneto quando si muove ha il suo perché. Questo vuol dire in soldoni che gli effetti speciali sono ben fatti, anche se scadono un po’ troppo nel fumettone serie B nella parte futuristica del film (peccato veramente, perché sembrano un po’ dozzinali per quanto le sentinelle siano fichissime).

Cast: menzione d’onore per questo film che annovera fra i futuri Magneto e Xavier niente popo’ di meno che i grandi Ian McKellen e Patrick Stewart, ma che fa sospirare noi fanciulline con Hugh Jackman e Michael Fassbender. Anche l’occhio vuole la sua parte e non si può sempre accontentare i ragazzi 😉

Voto 6 e mezzo. Il film è un buon inizio per un’altra serie, ma io non amo questi ritorni nel passato per sistemare le ciofeche fatte da altri; molto meglio andare avanti dimenticando certe scelte e “ravanare” per bene nel cartaceo per trovare la strada giusta: il mondo x-men è talmente vasto e complesso che ridurlo a certi filmini non è stimolante per nessuno.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...