“La fata carabina” di Daniel Pennac

IMG_20151228_163022_wm
scene di vita quotidiana di casa mia. ^_^

Ho iniziato l’anno scorso a leggermi con calma questa saga famigliare un po’ particolare con la stessa incoscienza con cui mi approccio con libri lontani dalla mia confort zone letteraria.

Ci ritroviamo nella stramba famiglia Malaussène e i suoi componenti vari e strampalati, ma abbiamo anche a che fare con un omicidio e un omicidio terribile e ingiustificato. Difatti questa volta Pennac fa giocare i suoi protagonisti in un contesto ben diverso dalla prima avventura. E questo omicidio fa da sfondo, da supporto, da genere e allora mi scopro a leggere qualcosa di ben diverso da quello che mi aspettavo: sto leggendo un giallo. Sì, la mia sorpresa è stata grande, ma devo dire che mi sono adeguata piacevolmente e subito, rendendomi conto (forse con un po’ di arroganza, visto che sono solo al secondo volume della saga) che Pennac si diverte a giocare coi generi e gioca come un burattinaio coi suoi burattini, spostandoli da un palcoscenico all’altro. Se “Il paradiso degli orchi” era racconto di narrativa, per quanto surreale, se abbiamo visto nascere nella nostra mente l’idea di farsi pagare legalmente come “capro espiatorio” (dai lo abbiamo pensato e sperato tutti, almeno in quei momenti in cui non gira nulla e almeno vorresti trovare un senso alle cose, o almeno un guadagno) e abbiamo visto che il concetto di famiglia è più ampio di quanto si voglia credere (soprattutto quando hai una madre troppo fertile e “svagata”). Insomma abbiamo sorriso coi Malaussène, parteggiato per Benjamin e chiesto come sia possibile vivere così.

Ora li troviamo a dover indagare loro malgrado, perché in realtà l’indagine li sfiora, li costringe, li prende di spalle, li mette spalle al muro, mentre un nuovo piccolo nasce e la mamma di tutti si addormenta beata lasciando il casino ai figli più grandi. Insomma se una vecchietta uccide un poliziotto, se i Malaussène fanno da balia a degli anziani se no finirebbero nel giro della droga, se qualcuno cerca di far fuori tutte le vecchiette del quartiere, se la polizia gioca contro se stessa, chi sarà il capro espiatorio di tutti? Suppongo che abbiate già capito.

Racconto gradevole e piacevole, che strappa più di un sorriso e qualche risata, che mi ha fatto meglio entrare nelle dinamiche famigliare, lasciando fuori tutti i pregiudizi e le aspettative. La famiglia Malaussène è quella che è: unita, non vincolata, aperta, con regole tutte sue, con idiosincrasie tutte sue, senza giudizi e con un cane che cade catatonico mandando tutti in agitazione. E alla fine quando le cose sembrano incasinarsi, il giallo si dipana nel modo più classico e normale del mondo, con una facilità che ti dimentichi cosa stai leggendo e su chi.

Senza ombra di dubbio questo secondo libro mi è piaciuto di più, non solo perché conscia della scrittura di Pennac, ma anche e soprattutto dell’atmosfera che vuole trasmettere al lettore con un ritmo veloce, incalzante, ma che ti guida senza scosse.

Voto: 7

Scheda tecnica

anno di pubblicazione: 1987

titolo originale: Le Fée Carabine

traduttore: Yasmina Melaouah

casa editrice: Universale Economica Feltrinelli

finito di stampare giugno 2013

copertina: Jacques Tardi

art director: Cristiano Guerri

cover designer: Ufficio grafico Feltrinelli

pagine 237

Annunci

2 thoughts on ““La fata carabina” di Daniel Pennac

    1. Se non ti aspetti nulla, questo libro di sorprende e ti rilassa. Ma devi lasciare che sia la storia a guidarti e non devi mai una volta cercare un senso. Credo che questo sia la chiave di volta per godersi questo libro.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...