“Il trio dell’Arciduca” di Hans Truzzi

IMG_20160708_141512
Guardatevi il video di youtube di cui qui metto il link . Ma a fine lettura 😉

Più che un poliziesco, sembra una spy story. Più che un romanzo, sembra un omaggio di un buon studente al suo professore di scrittura. Non posso dire che non mi sia piaciuto questo libro, ma di sicuro mi ha lasciata insoddisfatta perché mi aspettavo forse qualcosa di diverso da quel che è. Di certo al pensiero del poliziesco mi immagino una serie di eventi che coinvolgano da un lato un poliziotto o un gruppo e dall’altra il cattivo di turno, come se fosse una vera caccia al tesoro; oppure qualcosa che si avvicini al concetto di svolgimento di un ipotetico caso di cronaca nera. Poi penso al giallo classico e mi frega sky con il suo canale dedicato ad Agatha Christie e mi viene in mente l’investigazione di Poirot. Leggo questo veloce libro e sinceramente non riesco a capire.

Lo prendiamo come un romanzo dedicato al pre prima guerra mondiale, al racconto degli eventi, dell’atmosfera, delle situazioni che si svolgevano e si intersecavano nell’impero austroungarico e le nazioni vicine: e allora è comprensibile anche se molto simile a un bignami senza emozione. Allora lo prendiamo come un omaggio a Nero Wolfe  (ops! mi è scappato, ma alla fine è un segreto di pulcinella fidatevi) da parte di uno scrittore che credo abbia in casa un “altarino” letterario dedicato a questo mastodontico e infallibile investigatore: buono, ma di certo non lo possiamo far passare per un romanzo.

Non so, forse sono troppo dura ma per quanto riconosca all’autore la capacità di scrivere con passione, senza troppi fronzoli, andando al sodo della faccenda; per quanto tutto scorra molto velocemente (anzi troppo velocemente) e i personaggi si muovano fra loro come al ritmo di un valzer viennese (sottofondo della canzone di Battiato, please!) anche se sembra un polveroso valzer, leggerlo non mi ha emozionata. Ho perso il ritmo più volte, ho perso anche la cognizione della situazione (e ciò mi lascia sempre infastidita perché, se non è Deaver che lo fa apposta, di solito è segno di mia distrazione dovuta a non aggancio con quello che sto leggendo) e soprattutto mi ha ricordato troppo spesso un altro libro che ho letto: “La regina d’inverno” di B. Akunin o comunque la sua serie e il suo protagonista Fandorin. Il protagonista giovane e talentuoso ma introverso che non viene molto stimato da superiori invidiosi, un impero al disarmo, il nemico alle porte e belle donne di spettacolo. Quando leggo un romanzo, una storia, un qualcosa trovo insopportabile che la lettura mi riporti ad altri romanzi, storie di altri autori non collegati; se Truzzi avesse ricollegato questo ad altri gialli di Stout non ci sarebbero stati problemi, anzi, ma così non mi convince. I personaggi poi sono poco approfonditi, quasi abbozzati, lasciati sul fondo quasi che debba essere il senso della decadenza a colpire il lettore. Il giallo o la vicenda investigativa poi è confusa, nata dal nulla e proseguita solo per interesse del protagonista (il quale sembra poi essere stata scaraventato nel tutto senza una vera motivazione), come se non avesse un inizio, anche se ha una fine scontata.

Insomma per quanto riconosca che l’idea è buona, lo svolgimento è mediocre e se fossi stato l’editore avrei chiesto all’autore di rimpolpare un po’ la vicenda e credendoci di più. Mi spiace davvero, anche perché è stato il consiglio letterario di un amico di cui stimo il giudizio, ma si vede che abbiamo bisogni letterari diversi e il mio è la ciccia intorno all’osso da scarnificare, mi sa. Siccome so che ci sono altri suoi libri, voglio dare il beneficio del dubbio proprio per rispetto del gusto del mio amico e vedere se sono io troppo noiosa o esigente da non apprezzare certi libri o un certo modo di scrivere.

Voto: 6 Per quanto non mi abbia convinta o accalappiata non posso dire che non sia un buon libro. Provatelo e poi mi sapete dire la vostra.

Scheda tecnica

anno di pubblicazione: 2014

edizione: Bollati Boringhieri

finito di stampare: aprile 2014 stampato in Italia da Grafica Veneta S.p.A. di Trebaseleghe (PD)

copertina: illustrazione ©Lee Avison / Trevillian Images

progetto grafico: di copertina Di Pietro Palladino e Giulio Palmieri

pagine 158

Advertisements

2 thoughts on ““Il trio dell’Arciduca” di Hans Truzzi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...