“Agatha Raisin e la quiche letale” di M.C.Beaton

20170309_171206_wm
recensione di goodreads

Su consiglio indiretto de La libreria pericolante e del Clubippogrifo mi ci sono messa anche io a leggere questa investigatrice inglese partendo, giustamente, dal primo libro. La rampante A.Raisin, giunta all’età della pensione (senza avere a che fare con riforme Fornero & co. per fortuna sua) decide di mollare la stimolante Londra e la sua società di Pr per andare a vivere in campagna, con quel modo di fare molto british da copertina patinata in cui un cottage è taaaaanto carrrrrino. Ben presto il suo carattere si scontra con l’evidenza: che cosa ci sta a fare lei in un posto così noioso? Beh, noioso…alla fine ci scappa anche il morto e forse è proprio colpa sua. Siccome la nostra eroina, dal carattere spigoloso e dalla faccia di bronzo come poche, ferma e zitta non ci sta a fare decide che è suo interesse venire alla risoluzione del mistero, anche se tutto e tutti le dicono che se ne dovrebbe stare buona e cara seduta da qualche parte o andando in bicicletta per smaltire i chili di dosso presi con l’inattività campagnola.

Il libro scorre velocemente grazie a una caratterizzazione dei personaggi ben fatta e non troppo articolata, con uno stile lineare e spigliato e anche con un’articolazione della trama molto classica, ma non semplicistica. Difatti esso rientra in quella serie di libri in cui sono le banali pulsioni umane a fare i danni maggiori, senza dover per forza scomodare psicopatologie mentali o insani appetiti: è un classico giallo. Deo gratias! In tutto quel mare magnum di libri di genere scorgerne uno con stile, ironia, sarcasmo, con un personaggio che non attrae subito le simpatie ma non è una palla al piede problematica e soprattutto con una trama “serena”, è davvero un toccasana. Ora capisco il perché abbia così tanto successo, anche se sinceramente non potrei immaginare di poter accostare la protagonista a Miss Marple, come si legge nella quarta di copertina. Certo il personaggio al primo libro non può essere così definito come magari potrebbe apparire a serie avanzata e, di certo, le sue capacità investigative sono appena state “scoperte”, ma le due protagoniste sono diverse per atteggiamento e propensione: Miss Marple è la vecchietta impicciona, con un sacco di amicizie eccellenti o meno (e io devo ancora capire perché visto che da quanto mi hanno detto non si capisce bene cosa abbia fatto di lavoro prima di diventare la Miss Marple che conosciamo), ma materna e comprensiva; Agatha Raisin invece è una rampante signora di mezza età, in pensione forzata da sè, con agganci dovuti al suo passato lavoro dirigenziale e organizzativo nella pubblicità (almeno qui sappiamo benissimo come potrà fare certe cose, visto le conoscenze che può avere nel suo carnet) che investiga per un bisogno suo personale, come un qualcosa dentro che rugge e che non può farla stare buona e cara a coltivare le rose (e per fortuna diremo noi). In comune di certo hanno la comprensione di quello che le circonda, la visione più allargata delle situazioni e quel non so che fa scegliere loro di arrivare a una soluzione, invece di lasciar perdere.

Malgrado però tutto questo piacevole inizio, devo dire che il libro mi è piaciuto ma non esaltata. Perché? Prima di tutto perché una puntina di fastidio l’ho avuta nel leggere come la protagonista veniva presentata, con i suoi modi di fare detestabili da donna di città; poi però questo aspetto, fondamentale per darle una connotazione diversa, è reso in modo credibile e “addomesticato” nella resa della storia. E’ difficile creare un investigatore o un’investigatrice originale, non solo per i grandi nomi oramai scritti come le Tavole della Legge, ma anche perché, noto, ci sono filoni veri e propri: gli amiconi, i tormentati, i buoni loro malgrado, gli stronzi che funzionano oppure quelli che hanno le sensazioni paranormali. A volte si rischia davvero la stereotipizzazione rendendo i personaggi poco umani o poco credibili (anche se più guardo l’umanità e meno mi stupisco di certi modi di fare). Al di là del carattere che l’autore vuol dare al proprio alter ego, quello che io trovo sempre fastidioso è che questi personaggi siano a volte fuori contesto o fuori luogo o comunque non umani abbastanza: li si vuol rendere unici, ma quell’unicità a volte, se ragionata in termini realistici, li creerebbe dei disadattati e non dei protagonisti. La nostra protagonista è la vicina che non vorremmo avere, se non magari dopo averla avvisata che se rompe ancora le scatole una badilata nei denti non gliela leva nessuno, perché alla fine se vuoi inserirti nel gruppo devi capirne le dinamiche e non giudicarle. Punizione alle sue velleità la scrittrice gliela infligge tutta mandandola in gita con due vecchietti parassiti (non dico nulla di più, perché è veramente spassosa la cosa). In più ci sono tutti i cliqué che ti aspetti: dal vicino di casa new entry e fascinoso, al poliziotto un po’ troppo interessato o affettuoso alle donne di paese.

Voto: 6 e mezzo Sicuramente da leggere anche gli altri della serie. Sicuramente da consigliare a chi vuole trovare un momento di puro relax, facendosi strappare un sorriso, ma senza pretendere troppo.

Scheda tecnica

titolo originale:  “Agatha Raisin and the Quiche of Death

traduttore: Marina Morpurgo

anno di pubblicazione: 1992

edizione: astoria

finito di stampare: nel mese di gennaio 2011 da Galli Thierry Stampa, Milano

copertina: illustrazione di Alice Tait

progetto grafico: zevilhéritier

pagine 257

prezzo: €16,00