“Savior” di McFarlane, Holguin, Crain

20170518_003322_wm
pagina di ibs

Premessa: questo post è un post di miei pensieri liberi, associazioni personali, collegamenti miei sul fumetto “Savior”. Non è una tesina e non vuole nemmeno valere come “studio”, ma solo come chiacchierata. Se vi va di aggiungere qualcosa, commentate perché questo fumetto mi ha smosso il cervello più di quanto mi aspettassi.

Sinceramente non ho intenzione di fare una recensione di questo fumetto, ma di parlarne comunque perché  ne vale la pena. Prima di tutto perché ha una sceneggiatura solida autoconclusiva nell’album brossurato della Panini Comics del 2015, senza buchi, spazi, dubbi o finali troppo aperti (oddio il finale è aperto, ma alla fine non si sente l’esigenza di un seguito. Almeno secondo me. O magari c’è e io non lo so nemmeno). Secondo perché i disegni sono spettacolari, curati e precisi, dove l’anatomia non sempre realistica è comunque funzionale alla scena ritratta nella singola vignetta, dall’angolazione prescelta per dare quel determinato sentimento al lettore. Terzo, i dialoghi sono impegnativi, ma non troppo pesanti; di norma mi perdo se devo leggere troppo in ogni vignetta, detesto gli spiegoni, ma mi piace sapere quello che serve per avere il senso di ogni sequenza.

Questo fumetto mi è capitato fra le mani per quel meccanismo diventato normale di andare in biblioteca e a ogni giro di raccolta libri aggiungerci un fumetto che mi ispira, senza un vero perché. Ho saltato i vari Pratt, Bonelli vari, Bonvi o Jacovitti per puntare ad altro, al di là che alcuni di loro li conosco per averli letto a suo tempo o per averne in casa alcuni albi, ma cercavo qualcosa oltre la mia zona di competenza e siccome la Biblioteca Civica di Parma ha una buona collezione di fumetti perché non provare? Di solito cerco storie o disegni che mi ispirino e non sempre l’uno deve andare per forza con l’altro, anche se certi albi li ho per ora lasciati in scaffale solo perché il disegno non mi ispirava. Avere in casa un illustratore storico non mi aiuta ad essere sempre misericordiosa con chi disegna in stile poco umano. Comunque sia, questo album mi è capitato fra le mani sicuramente per il disegno e la grafica in generale e poi per quel non so che istintivo che mi ha sempre dominato in lettura.

Di cosa parla? Di una sciagura aerea, di un uomo sovrannaturale, di una cittadina di provincia, di religione. Tutto condensato senza essere un tomo esplicativo. Più leggevo e più venivano in mente certe cose che ho letto e visto sin da ragazzina. Mi è ritornato alla mente (e spesso mi capita mi tocca dire) “Straniero in terra straniera” di Robert A. Heinlein con quel suo senso religioso e straniante dove un uomo speciale sconvolge gli umani “normali”, provocando le reazioni più disparate. Qui il nostro uomo speciale è più simile a Superman che a Valentine Michael Smith, con superpoteri che non sa davvero gestire, con quel senso pesante di Messia. Nell’ultimi film dedicato proprio all’uomo di Kripton il senso di Superman cambia dallo stereotipo normale di alieno che si mischia fra la gente cercando di passare nell’indifferenza tranne quando è suo dovere salvarla, ma diventa colui che incarna il Bene e come tale deve fisicamente e manifestamente immolarsi alla causa (in “Batman vs Superman” c’è l’immagine di Superman circondato da uomini e donne adoranti e silenziose e lui nel mezzo come a coglierne l’energia e il peso. Un’immagine da dipinto e molto evocativa). Il nostro smemorato invece sa di poter gestire la vita e la morte, come farebbe uno sciamano vero, segnando il destino di una persona e di quelle che la circondano (avete presente “La vita è meravigliosa” di F. Capra? Ecco, quello), ma senza preoccuparsi delle conseguenze. Conseguenze che non si vedono, se non in quella ragazzina salvata nel disastro aereo che lui ha salvato. E nessuno capisce come ha fatto. Lui diventa l’uomo misterioso come Valentine Michael Smith marziano terrestre che tutti vorrebbero per sè, come un santino vivente.

A questo punto mi è venuto in mente “Carnivàle” serie televisiva vista tantissimi anni fa (quando ancora Netlix non esisteva e bisognava sperare che Tele+ o Sky ne capissero la portata, perché scaricare un film o un telefilm a volte era una tragedia. Son passati 12 anni e sembra un millennio fa…). Mi è tornato in mente quando sulla scena compare la classica setta americana di matrice cristiana, ma che col cristianesimo di qualsiasi ordine e grado ti fa pensare che non abbia molto a che fare. La setta nel fumetto non è approfondita nella sua teologia, ma è presente con la sua rabbia, con il suo modo di circuire l’anello debole di una catena di solitudini di provincia per ottenere…cosa? Rabbia. Non mi viene altro da dire. Perché mi è tornato in mente il telefilm suddetto? Primo perché la presenza del padre metodista è un po’ lo stereotipo di un’America costellata da mille sette, contro sette, religioni a portar via, religioni classiche, ateismo e agnosticismo. Secondo perché è come una sensazioni uditiva: i campi assolati e quasi desertici dell Iowa, con quel caldo che mi fa venire alla mente le cicale (vivo in Emilia, in Pianura Padana, dove in estate anche con le finestre chiuse e la tv accesa le cicale si fanno sentire come se sedessero accanto a te), la sabbia sollevata dalle auto, le televisioni a cercare uno scoop. Non saprei dirlo con certezza, ma mi ha ricordato alcune scene di quando il circo con i loro pesanti e imponenti mezzi si spostavano da una città all’altra, mentre la rabbia e il pericolo fra loro arrivava come una mandria di cavalli. Sono sensazioni, non saprei come spiegarlo diversamente.

Infine “X-files”. Volevate che in questo fumetto mancasse l’elemento governativo? Naaaa. E non ci sta male, anche se è come un intermezzo. Viene in mente l’uomo che fuma, l’avversario di Mulder & Scully, con la sua normale visione di manipolazione delle coscienze per tenere tutti tranquilli. L’intermezzo è funzionale non tanto per la storia, ma per far capire come sia facile manipolare i tranquilli e i complottisti e che alla fine, se uno sa usare bene i mezzi di comunicazione, sa come far ballare la gente. E’ un pezzo molto istruttivo che a me ha fatto sorridere, visto che di questi tempi apri fb e trovi il peggio del peggio con tutti tuttologi (ricordate l’ultima canzone di Gabbani, quella che ha vinto Sanremo? Ascoltate bene il testo…ci prende per i fondelli che è una meraviglia e noi la cantiamo pure! Genio!). Fa sorridere, se non fosse che poi i risultati fanno piangere, ma lasciamo perdere valà.

Alla fine della lettura mi è rimasto un dubbio, costellato da varie risposte. Perché storie così sono credibili soltanto in America? Insomma se pensiamo a sette religiose, fenomeni paranormali, manipolazioni culturali, uomini in nero, non possiamo immaginarcelo se non in America. A me viene da dire proprio per la sua conformazione storica più che politica: dove sono confluite diverse etnie, con diverse religiose, dove sono arrivati quelli che l’Europa non voleva più (mica poteva mandarli tutti nella colonia penale dell’Australia!), dove son fuggiti i perseguitati religiosi di qualsiasi stato europeo, dove si sono mischiati volenti o nolenti con le popolazioni indigene. Un miscuglio etnico, religioso, linguistico che ha visto nella violenza e nella legge (vedi l’epopea del vecchio west) il tentativo di creare uno stato unitario, ma che ha dovuto cedere alla guerra di secessione prima di poter avere una stabilità. Ma ve lo immaginate un racconto del genere in Italia? Io me lo immagino il santone di turno che gira per le strade di Napoli o di Bolzano, la giornalista mandata dalla D’Urso o da “La vita in diretta”, la vecchietta che diceva “ah, ma salutava sempre” e il politico che tira fuori un blog e parla di complotti e della restaurata dc-p2 e Giacobbo coi templari. Dai, non siamo credibili!

Forse è per quel motivo che certe storie son credibili sono in America e in una certa zona dell’America: la provincia abbandonata a se stessa. Forse noi certe storie non sappiamo raccontarle, con i nostri millenni di storie, di guerre, di ordine costituito politico o religioso che sia. Forse il nostro orizzonte è limitato e anche quando guardiamo il mare alla fine vediamo la costa dello stato di fronte a noi. O forse non è la nostra epica, dominata ancora da Romolo e Remo o dalle leggende medievali. Noi siamo altro, anche se oramai coi social il mondo è diventato grande come un salotto e noi stiamo prendendo anche le paure della provincia abbandonata americana…

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...