Il web è pieno di bei libri?

Mentre la giornata del libro e del diritto d’autore volge verso il suo termine e io non ho letto manco una riga per carenza di voglia, mi sono trovata invischiata in un’ennesima discussione che mi porta sempre a riflettere un po’ più in generale. No, non vi dirò cosa è successo e dove (anche perché erano discussioni in una bacheca privata di fb), ma la conclusione è che, per me, è un po’ strano che ci siano solo libri belli in giro. E’ davvero così?

Senza ombra di dubbio, i gusti personali non si discutono. Quando un libro ti tocca delle corde, ti fa tornare qualcosa in mente, entra in rapporto empatico con te, qualsiasi libro è valido. Punto. Non si discute. Il piacere soggettivo è qualcosa che esula da schemi, recensioni, termini e tecniche, ci si può confrontare per ore o anni, ma alla fine se non si hanno davanti persone ragionevoli si arriverà a scontri che manco in certe zone del mondo son così pericolosi.

Allora quale è il vero problema?

Il problema per me è che ci sono troppe recensioni entusiate, piene di “meraviglioso”, “la meraviglia” (“E la bellezza?” cit.), “una cosa senza precedenti” e…nessuna altra spiegazione. Oh, non sono tutti così, mancherebbe: ci sono vari livelli di comunicazione di parere sui libri dai book blogger (coi vari social annessi), ai lettori semplici, alle groupies (oddio ci sono anche quelle), alle recensioni professioniste, agli uffici stampa e ai canali di mera pubblicità. Ognuno di loro ha poi al suo interno oneri e onori e capacità comunicative diverse. Saltiamo a pie’ pari tutti coloro che per motivi più o meno economici devono parlare bene di un libro, perché loro devono vendere e se vendi un libro scritto piccolo a un cieco hai vinto (qui mica possiamo usare ancora i poveri esquimesi e la quintalata di frigoriferi che hanno!); saltiamo anche coloro che fanno recensioni per avere seguito e farsi mandare i libri a casa, perché alla fine non sono dissimili dalle varie riviste sui libri e vanno bene anche loro. Arriviamo a quei “normali” book blogger o lettori più o meno anonimi che esprimono un loro parere e ogni volta il libro è un successo.  Perché? Ma davvero…perché?

  • Ci sono quelli che ammettono che non recensiscono sui loro canali libri che non hanno trovato gradevoli. Perché?
  • Ci sono quelli che non riescono a concepire che il loro idolo o il genere che amano possano produrre emerite ciofeche. Perché?
  • Ci sono quelli che non sanno leggere o anche scrivere molte volte (mamma mia gli strafalcioni non da battitura, ma da ignoranza pura!), ma sentono il bisogno di dire la loro e dire che è tutto “bellissimo”. Perché?

So che come mio solito questi soliloqui rimangono domande buttate al vento e ognuno continuerà a dire, giustamente la sua, finché non romperò le scatole alle persone sbagliate, ma il mio essere cervellotico mi fa cercare le risposte alle mie domande e questa è una di quelle più pressanti in questo momento.

Perché non è accettabile scrivere che un libro è brutto? Perché non devo, scrivendo in modo educato ma non nascondendo nulla (compreso disgusto e sarcasmo), comunicare agli altri un parere diverso dalla massa, da quello che si aspettano tutti, da quello che certi gruppi si aspettano?

Si può stroncare tutto e tutti, con capacità di farlo senza passare nel penale, e sicuramente stroncare un classico con un autore morto cento e passa anni fa è molto più facile che farlo di uno vivente, magari che ti legge anche sui tuoi social, di cui sei amico dell’amico dell’amico su fb o conosci la casa editrice che sai che è brava ma non puoi dire che ha scazzato una cosa… Un tempo erano in pochi quelli che potevano sedersi al tavolo di uno scrittore, ora mi sembra che sia un po’ affollato quel posto e che ci sia un delirio di massa collettivo. Non esistono autori intoccabili, ci sono solo autori che ami profondamente che è altro discorso. Ci sono lettori che nel loro delirio comprerebbero anche la lista della spesa se scritto da xyz, ma da qui a non rendersi conto di un calo di verve, di libri scritti magari per pagare le bollette (lo faceva anche Dumas, sapete? Solo che lui lo sapeva fare, anche nel casino, anche pagando un buon ghost writer. Ci vuole capacità anche per farsi pagare le bollette e i vizi), ce ne passa.

Quindi quale è il nucleo di questo modo di fare un po’ schizzato? Può essere che oltre a essere un popolo di allenatori, politici, papi, (santi e navigatori li abbiamo persi per strada insieme ai poeti che si rifiutano di fermasi da noi), siamo anche un popolo di recensori di libri e col cacchio ci facciamo scippare la seggiolina di like e di rufianate?

Sì, non sto descrivendo bene questo mondo che seguo e che vedo, ma come parlo male dei libri che non mi piacciono, cerco di capire cosa non mi convince di quello che mi circonda e mi sembra che ci sia un po’ di delirio di onnipotenza da parte di persone comuni, di bazzicatori di gruppi, di scribacchiatori di post su fb o foto fatte su instagram e qualche # su twitter. Credo che i grandi server come anobii e goodreads pur essendo una manna e un bel porto di mare, abbiano portato a riva anche cose che era meglio rimanessero rinchiuse al bar, fra una chiacchiera e l’altra.

Io adoro quelli che hanno lo spirito e le capacità di analisi per comunicare anche quello che non piace, quello che non ha convinto, notando anche errori di scrittura o di costruzione di un romanzo. E sapete perché? Uno perché sono dei rivoluzionari: in un mondo in cui si ricerca il pollice o i cuori, dire cose non piacevoli non è facile. Due perché sono loro che fanno crescere il mondo dei lettori.

Essì miei cari recensori, a mio parere sono proprio quelli che paiono distruggere un libro, con parole e concetti e non solo con versi a caso, perché mettono il dubbio, costringono gli altri a porsi dubbi, sarebbero gli unici dico che potrebbero costringere gli scrittori a rimettersi in gioco, le case editrici a curare o a sperimentare, i lettori a vedere qualcosa di diverso. Le recensioni entusiastiche non fanno crescere nessuno, sono come le continue lodi ai bambini facendoli credere dei geni e poi di fronte alle difficoltà vanno in crisi e si trasformano in bulli frustrati.

Anche perché scrivere una recensione negativa è difficilissimo. Bisogna superare il senso di “schifo” che a volte emerge e tocca sviscerarlo, capirlo, prenderlo in mano e dargli una forma coerente; quando non è oggettivo l’errore, bisogna trasformare il soggettivo o l’istintivo in comprensibile. Scrivere recensioni negative mette in crisi, credetemi. Ci sono quelli che buttano di getto le idee e se ne fregano di altri lettori, degli scrittori e altro e sputano fiele e veleno, ma anche loro sono nocivi e inutili come i gridolini da stadio. Perché si può scegliere anche qua, come nella vita, come agire e quale tipo di critica porgere se è per costruire o per distruggere. Forse leggendo certi miei commenti mi vien da pensare che alla fine mi frega poco parlare a un autore dicendo che forse avrebbe fatto meglio a farsi revisionare meglio il manoscritto e pensarci un secondo a sistemare le cose, ma alla fine forse tranne qualche caso ho cercato di spiegare perché le cose non giravano per me, i pezzi sembravano buttati lì e le occasioni perse. Sono pochi i libri che arrivano a voti pesantemente negativi, anche perché se davvero un libro è così distante da me tendo ad abbandonarlo. Come ho fatto per “Roderick Duddle” di Michele Mari che mi ha così infastidito che ho deciso di abbandonarlo a poco meno della metà, per quanto il gruppo di lettura lo avesse trovato meraviglioso, però su goodreads ho messo che l’ho abbandonato e perché.

La vita è troppo breve per sprecarla a leggere libri che non fanno per noi. (autocit)

Forse è questo il vero motivo del fatto che il web sia pieno di libri meravigliosi? Abbandoniamo per sempre quelli negativi per non farci avvelenare la vita? Siamo davvero così selettivi da riuscire a trovare sempre qualcosa che ci entusiasma e che ci fa gridare al capolavoro, innamorare furiosamente dell’autore, agognare come disperati fuori dalle librerie il prossimo sconosciuto romanzo? Sono io che sono cinicamente razionale da sapere che su una marea  di libri, che sembra non finire mai, almeno il 50% sono piante che avrebbero avuto il diritto di vivere in altro modo?

Ditemi che voi trovate corretto dire che “non mi è piaciuto perché”; che se lo avete abbandonato non ne fate mistero; che se non riuscite a leggere una certa prosa non è perché siete rimbecilliti ma perché è illeggibile; che come diceva Pennac il lettore ha dei diritti, ma secondo me ha anche il dovere di aiutare altri lettori a scegliere meglio. So di non essere sola, ci sono tante persone “coraggiose”, ma a volte manco la particella di sodio si sente così sola a parlare su certi canali…

999163_497823133628672_763935877_n

Annunci

7 risposte a "Il web è pieno di bei libri?"

  1. Condivido molte delle cose che hai scritto. Però a me capita anche di non riuscire a terminare un libro che mi appare brutto, pesante, banale o noioso, e se non lo porto fino in fondo non mi sento poi in diritto di giudicarlo, quindi neppure di recensirlo. Non mi sentirei a posto con la coscienza nell’esprimere un parere su un testo che ho piantato a metà, su un autore che non ho avuto la pazienza di sondare fino in fondo, ed è per tale motivo che nel blog concedo più spazio ai libri che mi hanno maggiormente coinvolta, di cui però cerco di mettere in luce anche gli aspetti negativi, nel caso ci fossero. Le mie sono comunque valutazioni ogni volta disinteressate, visto che non collaboro con le case editrici e non ricevo libri in regalo, né tantomeno vengo pagata da chicchessia, quindi mi trovo d’accordo con te quando fai capire che è meglio diffidare di certi commenti troppo esaltati che si trovano in giro… Una domanda: cosa non ti ha convinta di Roderick Duddle? Curiosa di saperlo, visto che mi piacerebbe leggerlo. I racconti di Mari mi avevano a suo tempo affascinata, quindi nutro ancora delle buone aspettative nei suoi confronti 😉

    1. Ti rispondo su Mari. Spiego che era un libro scelto per la lettura mensile del gruppo di lettura a cui mi sono unita ultimamente, così capisci certi dettagli. Il commento unanime di tutti era che la prima parte fosse strana, pesante, ridondante, un po’ così, poi io mi sono interrotta perché infastidita e gli altri hanno continuato trovandolo molto piacevole e divertente, capendo meglio certi personaggi e certe scelte.
      Le mie critiche sono legate al fatto che sembra un compitino eseguito benissimo da un ottimo studente senza troppa personalità, che questo non vuol dire che Mari non abbia personalità (sia mai, non lo conosco e non è mio dovere criticare la persona), ma che l’esercizio stilistico che ha voluto costruire risulta troppo freddo e finto da riuscire a emozionarmi. Il romanzo è costruito come se fosse un romanzo d’appendice ottocentesco con un po’ di Stevenson e tanto Dickens, con finte note dell’autore a piè pagina; il protagonista è un ragazzino la cui vita è difficile ancor prima che nasca e a cui capitano cose tali che avrebbero fiaccato e massacrato qualsiasi essere umano (ma questo è un po’ lo spirito di Dickens in cui i buoni riescono a rimanere tali anche di fronte alle peggiori umiliazioni gratuite). Non ho trovato lo spirito ironico o divertente del libro, nella parte che ho letto, forse perché abituata a leggere altre forme di satira letteraria ben mascherata (tipo leggere Terry Pratchett è un esercizio continuo), ma gli altri lettori garantiscono su questo con scoppi di ilarità improvvisi.
      Aggiungo il dettaglio del gruppo: non ti affezzionare troppo ai personaggi perché è peggio che Games of Thrones. 😉

      1. Grazie, sei stata molto chiara e precisa. Vedremo l’effetto che mi farà, anche se già immagino che sarà simile a quello dei tuoi compagni di lettura 😉

  2. Fammi sapere cosa ne pensi e se scrivi una tua recensione, perché sono curiosa di capire se sono solo io a non averlo capito (anche se su goodreads ho trovato critiche simile alle mie) o davvero certi difetti sono lì a disposizione di chi li vede. 😉
    Buona lettura.

  3. Un articolo severo, questo, e (o forse, perché) necessario.

    Noto anch’io una certa uniformità di giudizi nella bookblogsfera (?)… ogni dato libro è fantastico per il 90% della community, e le poche valutazioni negative sono sussurrate dal confessionale come una colpa.

    Penso sia una miscela di riprova sociale e mancanza di strumenti per una reale analisi: se un romanzo viene considerato “bello” da tutti, aggiungere la propria lode al coro, per quanto non si riesca a motivarla al di là dell’insindacabile gusto personale, male non fa, visto che lo scrivono/dicono già in tanti…

    Nel momento invece in cui un testo non ci è piaciuto, ma siamo consci di non saper spiegare in modo esaustivo e il più possibile obiettivo perché, diventa difficile opporsi al compatto consenso della massa. A cosa ci si può appigliare per controbattere al coro degli osanna?
    Così si rinuncia ad esprimersi, che (a mio avviso) è un filo meno vile dell’adagiarsi sulla scia dell’adorazione pur dissentendo intimamente.

    Si tratta di un equilibrio fra integrità intellettuale e socialità che chiunque voglia parlare di libri con un minimo di cognizione deve raggiungere come può.

    A titolo personale, ho deciso di presentare le mie letture facendo un passo indietro, e lasciando che sia il testo stesso a parlare il più possibile.
    Ciò non significa obiettività, perché la scelta delle citazioni e la chiave di lettura che ne offro è mia, ma cerco di far sì che sia chi legge i miei articoli a decidere se il libro in questione può interessargli o meno – non a caso, non parlo mai di recensioni (che presuppongono un giudizio), ma di riflessioni/riletture.

    Per ora, è il compromesso più onesto che sia riuscito a trovare fra la mia voglia di esprimere un’opinione ragionata e la consapevolezza dei miei strumenti critici e culturali, ancora acerbi.

    1. Premesso che ognuno gestisce il suo blog o il suo profilo sociale come gli pare e piace, io credo che sia doveroso metterci la faccia che non vuol dire per forza avere la foto della carta d’identità come riconoscimento facciale, ma metterci serenamente il proprio carattere e il proprio essere. Mi piacciono le recensioni personali, quando si riesce a comunicare quel che di se stessi viene fuori leggendo un libro. Non è essere guardoni o farsi i fatti altrui, ma alla fine i libri, per me, non sono un mero mezzo di comunicazione, ma sono un vero e proprio rapporto e quelli che si ricordano sono anche quelli che hanno parlato direttamente a noi e a quel che abbiamo vissuto.
      I blog crescono con noi, non “nasciamo imparati” ed è bello e tenero, per certi versi, andarsi a rileggere dopo tempo e vedere se si cambiano opinioni o gusti o se si è riletto un libro e si è trovato qualcosa di più o di meno della prima volta, quanto si è cresciuti e quanto si è diventati consapevoli (se si riesce). Mettersi in gioco, insomma.
      Alla fine forse è questo che mi viene da pensare il succo della questione: non volersi mettere in gioco e trincerarsi dietro all’opinione di gruppo. Bah, ho un sacco di pensieri ondivagi sulla cosa e nessuno davvero fermo. 😀

  4. Se diamo retta ai commenti, ai blog, a fb e Twitter, sì il mondo è pieno esclusivamente di libri non belli, fantastici. Il perché e il percome mi sfugge, però.
    Alle tue domande non riesco a dare alcuna risposta, se non ipotesi che mi sembrano tanto sciocche da non meritare le lettere che compongono le parole, ma probabilmente per una insicurezza imperante, per un bisogno di uniformità si arriva a dire che tutto è bello, che il mondo è perfetto e che leggo solo cose bellissime.
    Perché altrimenti non me lo spiego… Ma il problema che poni tu è molto più importante: perché non accettiamo la critica, quando motivata e costruttiva, al nostro “mi piace”?
    Da lettrice, il blog è solo un esperimento tenuto in vita saltuariamente, trovo che la critica sia la cosa più fenomenale che l’umanità abbia inventato! Se costruita, se sviluppata porta a traguardi interessanti e coinvolgenti ma non può ridursi al tifo, per quello c’è lo stadio. Ma spesso si riduce al nulla.
    Ti porto l’esempio di Roderick Duddle: l’ho letto, tutto, con fatica e sinceramente non mi sento in grado di giudicarlo visto che l’ho rimosso, non lo ricordo.
    Ciò non toglie che, se l’avessi commentato a suo tempo non sarebbe stato tipo “mi ha annoiato” ma qualcosa di pensato seppur tendente all’ironia che è una cosa che tento di usare spesso.
    Finisco il papiro dicendo che se qualcuno mi trova un commento intelligente al Pendolo di Focault faccio una festa, perché è tutto un “meraviglioso” o “non ne vale la pena troppo incasinato”.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...