Occasioni perse o riguadagnate?

Oggi è arrivata anche a me un’email da anobii:

Ciao! E’ da un po’ che non passi da aNobii. Ti scrivo per darti alcune buone notizie.

Al contrario di quello che era stato annunciato tempo fa, l’attuale sito di aNobii non verra’ sostituito da una nuova versione. E’ stato pertanto deciso di dedicare nuove risorse al miglioramento della piattaforma corrente ed infatti, gia’ da un paio di settimane, abbiamo risolto alcuni importanti ‘bachi’ che creavano problemi da tempo:

– Abbiamo migliorato il supporto per la lingua usata per scrivere le recensioni
– Abbiamo aggiornato e migliorato i dati del UI italiani
– Abbiamo risolto alcuni problemi legati all’integrazione con Facebook e Twitter

Ci rallegra molto vedere come queste migliorie abbiano gia’ portato una netta crescita dell’attivita’ su aNobii: solo nell’ultimo mese 374,917 libri sono stati aggiunti alle librerie personali and 20,936 libri sono stati recensiti e votati.

Non ci fermeremo qui visto ch e la lista di miglioramenti e bachi da risolvere e’ ancora lunga e se ti va di darci una mano te ne saremo grati! Dai un’occhiata al sito e mandaci pure tutti i suggerimenti che vuoi.

Anobii

Buone letture!

Il team di
aNobii

Molti utenti la stanno ricevendo e non riusciamo a capire se sia un bug di sistema, una presa per i fondelli o un tentativo per far capire agli utenti che il server non verrà dismesso, non verrà cambiato e nemmeno sostituito con la forma beta.

Anobii è stato per me una rivelazione. Finalmente uscivo dal mio antro di lettrice e incontravo altri lettori onnivori che amavano soprattutto scrivere il loro pensiero sui libri. Ammetto che non ho mai avuto problemi a trovare lettori, anzi la maggior parte dei miei amici è composta da forti lettori e per me è stato sempre un piacere scambiare libri e opinioni. Per non parlare delle visite alle librerie!

Però anobii è servito a conoscere altra gente, a incontrare anche fisicamente alcuni di loro (vedi alla voce Corpi Freddi), magari di stringere se non amicizie di certo conoscenze. Ho conosciuto nuovi autori; visto cosa ne pensano gli altri di un determinato libro; provare l’esperienza di leggere insieme anche se seduti a distanze chilometriche. Ho potuto capire poi che sono un censore di libri a volte implacabile, a volte troppo diplomatico!

In un mondo in cui spopolano tette e culi, pensare che la parte più consistente del server è composta da italiani mi rincuora anche se a volte leggo recensioni scritte in un italiano troppo discorsivo oppure un po’ campate in aria, ma pazienza. Io spero sempre che basti leggere, qualsiasi cosa, anche l’etichetta della shampoo, purché si legga invece che guardare i muri.

Purtroppo il server da più di un anno sta mostrando dei pericolosi bug dovuti all’assenza di controllo, di pianificazione, di sanità mentale. Non so. Il sito da quello che ho capito è stato venduto a degli inglesi (credo di aver capito, ma ve lo dico sinceramente non ho seguito la vicenda più di tanto) che ne volevano fare una piattaforma per vendere libri. Ci deve essere stata una specie di sommossa e quindi i cambiamenti continui hanno iniziato a dare problemi e i tentativi di risolvere ci hanno messo sopra l’asso di bastoni e… BOOM! Ora non si leggono le recensioni; se sbaglia a selezionare il tutto potresti aver scritto la tua nella lingua “unknow” o in inglese (anche se è scritta in italiano); non si leggono più le trame, quindi non si sa nulla; a ondate non ci sono più gli aggiornamenti dei post dei gruppi (una delle cose più arricchenti umanamente). Insomma, tutto quello che ha reso quel server utile per i forti lettori ora va mensilmente o settimanalmente in palla con un’emorragia di utenti verso altri siti (io ho una mini libreria parallela anche su goodreads. Sai mai…) che però non sono mai così intuitivi e completi come anobii.

Ora questa email cosa rappresenta? L’ennesima presa per i fondelli oppure la verità e qualcuno si sta impegnando a non modificare in peggio (commerciale) il tutto, ma anzi ad alimentarlo e a tutelarlo? Mah…stiamo a vedere. Ci sono cose che non sono in nostro potere controllare…

Annunci

Letture collettive online via faccialibro

Da quando faccio parte di Anobii il mio modo di leggere si è modificato, non tanto nei gusti, ma quanto nella condivisione di quello che leggo e nello stimolo.

Rimango un’asociale nel modo di scegliere i libri e molto spesso, anzi sempre è la recensione (non la singola ma varie) negativa a farmi scegliere un libro piuttosto che un altro, o comunque l’osanna degli amici non modifica mai il mio giudizio finale. Ho dato 3 stelle a libri osannati dai miei contatti, perché lo sentivo per quanto mi sforzassi a capire la loro passione, ma poi ho smesso di farmi domande: un libro è sempre un’esperienza singola, una comunicazione fuori tempo fra uno scrittore e un lettore. Punto. Il resto sono misere classifiche riempitive nelle pagine della cultura nei quotidiani.

Una cosa che ho modificato ma che mi è sempre piaciuto fare è la lettura collettiva di libri con altra gente e siccome la cosa nella mia città non è stata fattibile (non so, sicuramente non l’ho cercata, ma alla fine degli illustri sconosciuti non mi interessano, i conoscenti o gli amici sì), ho trovato il modo di farlo online.

Prima attraverso anobii e poi attraverso Facebook (finalmente una cosa positiva) e devo dire che mi sono divertita tantissimo, anche se la grande difficoltà è nel tarare i propri tempi di lettura.

Non ricordo quella su anobii, ma su fb è stata tutta colpa della “proprietaria” de La Libreria Pericolante e una sua amica e siamo partite con

http://www.anobii.com/books/Rot__Ruin/9788865301470/0121544d44170b5011/

Poi non ricordo se nel mezzo c’è stato altro di corsa, ma di certo abbiamo iniziato a segnalare le cose come eventi in modo da non intasare le bacheche personali. E abbiamo coinvolto altre persone.

http://www.anobii.com/books/Dolce,_cara_Audrina/9788845401916/01baed37dcded361b7/

http://www.anobii.com/books/Dolce,_cara_Audrina/9788845401916/01baed37dcded361b7/

http://www.anobii.com/books/La_casa_dinferno/0123a96c9fc13d83a1/

http://www.anobii.com/books/La_casa_dinferno/0123a96c9fc13d83a1/

http://www.anobii.com/books/Ventimila_leghe_sotto_i_mari/9788854125100/01ae2db29fb944d000/

http://www.anobii.com/books/Ventimila_leghe_sotto_i_mari/9788854125100/01ae2db29fb944d000/

http://www.anobii.com/books/Santa_Barbara_dei_fulmini/019bd5bb16458ab10d/

http://www.anobii.com/books/Santa_Barbara_dei_fulmini/019bd5bb16458ab10d/

http://www.anobii.com/books/Santa_Barbara_dei_fulmini/019bd5bb16458ab10d/

Tutte queste dall’inizio dell’anno, mentre in contemporanea ognuno di noi leggeva anche altri libri (anche altre letture collettive).

Dal primo di maggio abbiamo iniziato una cosa folle perché abbiamo deciso di leggere un romanzo d’appendice nella maniera in cui è uscito, quindi con la scadenza che abbiamo trovato su wikipedia (non è il sancta sanctorum, ma per le date e nozioni così è utile, i testi a volte latitano…) e siamo partite. Vedrò di fare un resoconto dei capitoli passati e di continuare la lettura qua.

Il libro è “Il nostro comune amico” di Charles Dickens

http://www.anobii.com/books/Il_nostro_comune_amico/01057161b5eb039785/

http://www.anobii.com/books/Santa_Barbara_dei_fulmini/019bd5bb16458ab10d/

Qui c’è la scansione temporale della lettura http://it.m.wikipedia.org/wiki/Il_nostro_comune_amico#section_1

Vediamo cosa salterà fuori.

Nel frattempo vado a finire Grangé, perché mica penserete che io abbia un solo libro in lettura, vero?

Fatti uccidere da un libro

Apro questo blog con l’elogio di un bel gioco che da anni faccio insieme agli amici del gruppo Corpi Freddi su Anobii.
Prima di tutto: chi sono i Corpi Freddi?
Beh è difficile da dire in poche parole, ma ci provo.
Prima di tutto è uno dei gruppi (da quanto ho capito ovvio) più grossi e attivi in anobii; il suo punto di riferimento sono i gialli, i thriller, i noir e ogni tanto qualche scappata nell’horror. Questo è per la parte puramente letteraria.
Poi c’è la parte dell’amicizia, perché è normale, o almeno dovrebbe esserlo, sentire l’esigenza di passare oltre lo schermo e voler incontrare le persone “di persona personalmente” e quando questo accade possono anche scattare conoscenze, amicizie o Amicizie. Perché il mondo virtuale alla fine non è molto dissimile da quello vero quando uno ci mette del suo e non indossa una maschera.

Torniamo al gioco.
Il gioco è semplice: ognuno degli iscritti volontari al gioco è vittima e killer. Si uccide spedendo, e quindi regalando, un libro scelto nella lista desideri della vittima; si cerca di far capire, ma non troppo, a tutti chi è la propria vittima con una serie di indizi criptici; si cerca di indovinare più accoppiamenti possibili e poi si aspetta di essere uccisi.

Il bello, in questo mondo veloce e tutto fruibile e comunicabile, è tornare a casa e vedere un pacco. Leggere il mittente e a volte non riconoscerlo, perché il tuo killer lo conosci solo attraverso il suo nickname. Strappare la busta e vedere l’arma con cui sei stato colpito. Aprire la pagina e leggere la dedica e sapere che dall’altra parte del pacco anche il tuo killer sarà a sua volta ucciso e avrà vissuto le tue stesse emozioni.

A questo giro sono stata uccisa con un libro che avevo preso dalla biblioteca (non ricordavo nemmeno di averlo messo in wl, pur avendola controllata. Mamma mia che arterio che ho!) e che stavo leggendo per la lettura collettiva degli autori sempre coi CF.
“L’impero dei lupi” di Grangé.

questa è proprio l’edizione che mi ha spedito il mio killer

La dedica è limpida e diretta come accade fra due persone che sono reciprocamente incuriosite dal fatto di non essersi mai conosciute, ma affettuosamente sentita per il fatto che si condividono passioni e libri.

Con questo libro inizio il blog e l’esperimento, quando possibile, di associare libro e film tratto. Stiamo a vedere.