“Moby Dick” di Herman Melville

P1060851_wm[1]
Questa volta il link è a wikipedia

Non ho proprio intenzione di scrivere una normale recensione su questo libro, ma piuttosto mi viene da riflettere su un qualcosa a mio parere più grande, che spesso coinvolge i classici in quanto portatori di messaggi universali al di là del tempo: può “La balena bianca” affascinare i ragazzi nel tempo del problema ecologico?

Quando ero ragazzina la prima volta che lessi “Moby Dick”, lessi la versione ridotta per ragazzi. Era estate, ero al piattume del mare di Pesaro (quello per la precisione con gli scogli che salvano la spiaggia, ma che ti danno la sensazione che potevi arrivare a piedi fino in Jugoslavia, allora esistente, con l’acqua al petto), inizia a disprezzare di andare al mare e non fare nulla, di essere costretta a nuotare con le mani che toccavano la spiaggia, insomma iniziò lì quella mia “schizzofrenia” per cui detesto il mare, ma adoro leggere libri di avventure marinare. Perché sdraiata come una sardina sul lettino, col librone fra le mani, io immaginavo baleniere oltre gli scogli, sbuffi bianchi e sì cacce furiose che coinvolgevano bestie e uomini. Allora non c’era una coscienza ecologista e se anche l’avessi avuta ero troppo ininfluente nell’economia famigliare per poter dire la mia. In più a quel tempo mangiavo anche mal volentieri pesce. Eppure salire su una baleniera mi sembrava la cosa più figa che ci potesse essere a quel tempo!

E oggi? Come possono prenderlo questo libri i ragazzini che giustamente sono informati sulla condizione mondiale della fauna marittima, sugli assurdi “esperimenti” giapponesi su balene (anche incinta) facendone una vera e propria strage? Cosa racconta se non orrore puro ai ragazzini? Me lo sono chiesta, perché alla fine è difficile immedesimarsi in Achab nella sua folle e monotematica caccia al suo mostro bianco; ma magari Ismaele o Queequeg coi suoi tatuaggi o Stub e Starbuck possono attrarre i lettori e far loro immaginare di salire su una nave e poi su una lancia, impugnare una fiocina e via! No, di certo. Diventa difficile. Forse non lo facevamo nemmeno noi da ragazzini, perché troppo distanti da noi per caratteristiche: Ismaele il narratore, così colto, attento a ogni aspetto della biologia della balena da lasciarci interdetto, troppo capace di cogliere le sfumature bibliche dove noi avevamo letto solo delirio; Queequeg tatuato, pagano, silenzioso gigante dai modi di fare ieratici e posati, distanti dalla nostra rilettura occidentale; Starbuck spaccone, irritante, esagerato, ma che alla fine mantiene la lucidità di voler convincere il capitano a desistere per salvare la vita a tutti; e sopra tutti Achab, il capitano, oscuro, silenzioso, pazzo nella sua caccia alla balena da fregarsene e condannare le vite altrui alla dannazione pur di pagare la vendetta che, pensa, gli spetti. Lontani questi personaggi da ragazzi anni 10-14 in un’epoca dove il mondo sembrava ancora distante e meraviglioso, così silenzioso senza internet (eggià ero piccola e non c’era internet…mi sento meravigliosamente vecchia!), eppure quel poco di vicinanza faceva pensare che si poteva andare per mare.

E adesso? Me lo sono chiesta ogni volta che l’autore si fermava a raccontare come si caccia, si soffermava alla fatica della caccia, al pericolo dovendo andare a una specie di corpo a corpo con l’animale, il quale placido si faceva bellamente i fatti suoi nel mare. Me lo sono chiesta lungo i paragrafi lenti e dettagliatissimi su come, credevano, fossero le balene, i leviatani, i capodogli; su dove si estraeva cosa e a cosa servisse; la fisiologia e come si comportavano fra di loro. Lunghi, estenuanti, interrompevano esageratamente l’avventura, quasi “rovinandola”; ma il libro è anche questo: una sorta di libro di testo in cui il lettore comprendeva cose che non avrebbe mai potuto vedere (anche “Ventimila leghe sotto i mari” di Verne era strutturato così, ossia come un libro di divulgazione scientifica). Me li sono immaginati i ragazzini di adesso con smartphone sotto mano pronti a smentire le false idee scientifiche. Allora, pur sapendolo, non ci sarebbe forse fregato nulla di correggere Melville, ora sono più informati e forse meno “succubi” (male! molto male!) della fantasia.

Melville parla di un “libro malvagio” ossia dove il protagonista è il male. Ma cosa è il male per noi e per loro allora? Forse l’autore voleva concentrarsi sul male che mangia gli esseri umani nel profondo, quando è la vendetta a macerarli come un cancro, quando è il dolore a far dimenticare le cose positive che si sono lasciate a terra (Achab ha moglie e figlio piccolo ad aspettarlo, ma non gli interessa). Achab è macerato dalla sua vendetta, con quel moncone di gamba a ricordargli al cattiveria di una bestia nei suoi confronti: è personale, provocatorio, forte. La balena bianca è l’incarnazione del Male.

Eppure leggendolo oggi Moby Dick, l’unico cetaceo che ha dignità di nome, intelligenza e strategia bellica, non sembra più come il male del mare, come l’essere che scientificamente va a caccia di baleniere per vendetta, ma pare quasi un mistico eroe vendicativo. Verso la fine del romanzo Melville, ingenuamente, fa dire a Ismaele che questi favolosi animali marini non si estingueranno mai, che fondamentalmente saranno sempre i signori incontrastrati dei mari. Purtroppo sbagliò previsione e, a sentire le ultime statistiche, le balene stanno diminuendo a vista d’occhio, divenendo oramai specie protetta. Quindi è non solo Achab con la sua follia a rappresentare il male, ma lo sono anche tutti i balenieri. Come a questo punto non tifare per le balene che con la loro mole distruggono navi e barche per aver salva la propria vita? Come non pensare a Moby Dick come l’incarnazione luminosa di tutte le balene uccise e, con mentalità umana, l’angelo vendicatore di tutte loro? Questo voleva Melville? Questo si ribalta nella lettura moderna o io mi sono fatta troppe pare mentali?

É stato naturale chiedermi come possono vedere le nuove generazioni questo romanzo, questo pilastro della letteratura, questo libro che ti spinge a farti domande sulle conseguenze delle nostre azioni, ma anche di quelle altrui; su cosa sia Bene e Male; libro che ti fa (faceva?) venir voglia di imbarcarti su un vascello; che sa di avventura. Dobbiamo inculcare la nostra visione della sua decodifica o dobbiamo lasciare che loro ci raccontino un nuovo modo di vederlo, scendendo dalla baleniera e tifando per la balena?

Ed io? Io risalirei su una baleniera e sì andrei per mare, non so più se proprio a caccia di balene oppure come ora su navi studio, ma rileggere questo libro a distanza di 30 (? più o meno) anni mi ha dato le stesse fortissime emozioni, con la consapevolezza che Achab è un gran personaggio (forse il migliore, tratteggiato con pochissimi dettagli), Ismaele è noioso, Queequeg è un portento (forse perché grazie agli studi fatti, ora come ora sembra meno esotico e sopra le righe, ma molto concreto e spiccio) e tutti gli altri necessari. Ho avuto l’istinto di saltare i lunghi pezzi di descrizioni naturalistiche, a volte discutibili, ma un certo punto ho capito che per capire la follia di Achab bisognava capire quanto ritenessero quegli animali favolosi, enigmatici, superiori a qualsiasi altra bestia sia per dimensione che per quantità di risorse prodotte, in una sorta di venerazione e alterigia umana di sopraffazione di tutto e tutti.

Voto: 7 e mezzo. Questa edizioni ha un difetto: la traduzione. Non capisco se la scrittura di Melville fosse così ostica e farraginosa o la traduttrice ha voluto in qualche modo mettere del suo cercando “inciampi” linguistici: senza voler snaturare nulla, ma un libro secondo me fila quando leggendolo a voce alta la lingua non inciampa sul palato. E qui è successo a tal punto che ho smesso di provarci. On line ho trovato molte critiche da vari lettori su alcune traduzioni proprio per questa arcaicità del linguaggio che pare forzata. Voi cosa avete riscontrato e come lo avete trovato sotto questo punto?

La scelta del disegnatore è sicuramente di pregio vista la popolarità, ma devo ammettere che non è propriamente il mio stile e quindi in alcune tavole ho apprezzato meno la visione grafica. In ogni modo la Bur_Rizzoli ha fatto uscire un’opera di pregio, anche se ha scelto di pubblicare un mattonazzo poco portabile in giro e anche in mano. La serie “classici-deluxe” a prezzi contenuti è una scelta editoriale di pregio che avvicina il lettore, ma anche l’appassionato di belle opere. In più, lo dico con la mano sul cuore, far leggere certi classici ai ragazzi e scegliere opere con corredo grafico fa solo bene all’accrescimento culturale degli stessi.

Consigliato: a tutti. Davvero. Scendete dalle vostre sedie e andate per mare. Decidete di segnare con un taccuino la fisiologia e non solo di ogni animale che vedete; iniziate a dondolare come le onde che passano sotto la chiglia e lasciatevi andare. Sì ci saranno pezzi noiosi, come la bonaccia, terribili, sonnolenti, di quelli che vi faranno pensare di lanciare il libro, ma aggrappatevi alla Pequod e fidatevi. Alla fine i tre giorni di caccia ve li sarete meritati tutti.

Scheda tecnica

con un saggio di Harold Bloom

Titolo originale “Moby Dick or the Whale”

traduttrice Pina Sergi

anno di pubblicazione 1851

casa editrice Bur_Rizzoli  serie classici deluxe

stampato febbraio 2015 presso Errestampa – 24050 Orio al Serio (BG). Printed in Italy

illustrazioni di Rockwell Kent   http://www.artnet.com/artists/rockwell-kent/

copertina illustrazione di Rockwell Kent

immagine dell’ autore © Bridgeman Images

art director Francesca Leoneschi

progetto grafico Emilio Ignozza / theWorldofDOT

pagine 704

prezzo €18,00

 

Annunci

“La stiva e l’abisso” di Michele Mari

IMG_20180818_150038_308[1]
recensioni dal sito di goodreads

Cosa succede quando a una nave, a un veliero, il vento  va in bonaccia e la tiene lì ferma in mezzo al mare? Questo libro potrebbe darvi la risposta. In fin dei conti i nostri avi, con la loro tecnologia ancora molto legata agli umori di vento e mare, di fronte alla bonaccia si trovano sperduti e in balia del nulla: immaginatevi un panorama sempre uguale dall’alba al tramonto, sotto il sole e senza vento, per giorni indefiniti sperando di vedere arrivare finalmente una nuvola e un refolo di qualcosa regalato da Eolo. Se ben ti vada vai anche un po’ giù di testa.

Questo romanzo ha due termini di lettura: uno metaforico e l’altro narrativo. Partiamo dal secondo che mi pare più facile. Questo libro l’ho preso in scia della mia personalissima scelta di storie legate al mare, dai pirati alle baleniere alle battaglie navali alle esplorazioni scientifiche e in effetti copre esattamente quel buco che normalmente gli altri autori saltano: cosa succede se una nava va in bonaccia? E se il suo capitano è ferito gravemente con una gamba in cancrena, chiuso nella sua cabina? Succede che il suo secondo, avido e orgoglioso ma senza i mezzi, ne vuole prendere il comando e l’equipaggio si lascia abbindolare dalla noia, dalle leggende e dalle superstizioni. Strana nave questa senza medico a bordo e nemmeno un sega ossa; strana dove il secondo è di un’ignoranza abissale; strana perché non c’è spiegazione per la malattia del capitano. Sembra quasi che sia stata maledetta. Eppure nessuno di loro pensa che sia così e i giorni e le notti scivolano abbastanza uguali a se stessi, senza domande e senza altri pensieri. Se non fosse per quei strani pesci che si “congiungono” con gli uomini e donano a loro delle storie. Ci sono marinai che diventano poeti e marinai che rimangono stolti; ci sono marinai innamorati e marinai che subiscono l’amore. Mozzi, capitano, secondi e marinai vari si trovano a che fare con questi strani pesci che salgono in nave e in qualche modo li posseggono come fisicamente e li cambiano. Giorno dopo giorno la realtà pare scomparire per lasciare il posto alla noia e ai sogni e a quel richiamo del mare che diventa talmente tanto forte da attirarli uno a uno.

Sì, il galeone spagnolo sembra proprio maledetto.

Eppure pagina dopo pagina sembra non succedere nulla, se non l’aumentare della paranoia, della noia, della stanchezza, delle leggende, con l’unico, il capitano, che pareva rimanere solido chiuso, romanticamente e umoralmente, nella sua cabina a vedere la cancrena farlo marcire sempre più. Non esiste ordine finale o soluzione, esiste solo la bonaccia. A leggere questo libro ci si aspetta non una risoluzione vera e propria, ma come se all’improvviso la vera storia di mare, di un altro galeone, riprenda il corso lasciandosi alle spalle questa nave fantasma maledetta dal mare e posseduta dai pesci.

Di navi maledette è pieno l’immaginario e questa a volte sembra essere una “Perla Nera” prima di diventare quella misteriosa e agognata nave dei caraibi, perché tutte le navi leggendarie hanno una nascita fra legno, sartiame, puzza di pesce, arroganza e paura: sono navi “semplici”, salpate da un porto per una missione precisa, ma nel mezzo, in quello sterminato territorio che si chiama oceano, incappano nelle peggiori situazioni e perdono di vista tutto, dalla terra alla vita, dalla speranza alla possibilità di sopravvivere, sperando di andare oltre (ricordate il raggio verde?) e trovare una soluzione al pantano in cui si trovano.

E’ un non racconto a mio modo di vedere, un intermezzo più o meno comico o drammatico, un riempitivo per tutti coloro che si son sempre chiesti come sopravvivono gli uomini alla tirannia del vento. Non sopravvivono. Punto.

Ora passiamo al primo aspetto del romanzo. E’ il secondo libro di Mari che leggo e mentre il primo, “Roderick Duddle”, l’ho abbandonato, qui sono voluta andare fino in fondo per capire come volesse gestire questa storia non storia. E sinceramente non l’ho capito. A lettura ultimata, mi sono letta un po’ di recensioni su goodreads, perché a me continuava a sfuggire qualcosa. E allora l’epifania! Il romanzo è una lunga metafora sul concetto della parola, del racconto e blablablabla…cose così. Sinceramente mi sono messa a leggere con interesse, ma con la domanda in testa fissa: ma veramente ci credono? Sì, ma forse loro hanno capito qualcosa di Mari che io non voglio e non riesco a comprendere: loro continuanano a sottolineare che ogni suo romanzo sia una specie di narrazione sulla narrazione, una lunga e continua metafora su un unico argomento. Ecco…che palle!

Mi spiace Mari, ma io e te non ci capiremo mai a questo punto. Non so se hai deciso di raccontare, sotto forme diverse narrative, un solo e unico argomento; non so se davvero hai pianificato di spaziare fra i generi, i quali magari adoravi leggere e adori tutt’ora, per tornare sempre a un unico porto; non so se è la metafora e il suo svelamento l’unica cosa da cercare; so solo che mi annoi mortalmente perché quello che scrivi io lo percepisco come se non avesse anima. La tecnica è fondamentale per scrivere e Mari la padroneggia abilmente: ha costruito un perfetto racconto di mare, lavorando sui personaggi, sulle idiosincrasie, sulle paure e sulle speranze; per quanto si possano contestare alcune scelte narrative e certe “dimenticanze” alla fine sono tutte funzionali per portare il lettore dove vuole lui, insieme alla bonaccia. La tecnica, però, non basta. L’arte affabulatoria, quella che ti nasce dal cuore più che dal cervello, quella che entra in risonanza emozionale con il lettore è qualcosa che non si impara con i tecnicismi, ma la si possiede e la si perfeziona e qui per me Mari non ce l’ha. Ancora una volta mi è venuto da dire che egli è il bravissimo primo della classe che scrive i migliori temi, azzeccando tutti i punti del titolo, ma che alla fine sarà sempre un altro a saper come incantare la classe con le sue favolette: si vuole diventare i cocchini della maestra o i leader della classe? Questo non vuol dire che io stia giudicando l’uomo Michele Mari che magari è simpaticissimo e godibilissimo, ma lo scrittore mi rimane indiffirente, freddo e scolastico, incapace di sapermi prendere (anche nelle parti comiche è ripetitivo e ossessivo, come quelli che continuano a ripetere sempre la stessa battuta perché ha fatto ridere una volta e quindi deve far ridere anche alla milionesima). Quindi, no, la parte metaforica di questo romanzo non l’ho colta e sinceramente non mi ha nemmeno interessato coglierla, non per ignoranza o menefreghismo mio, ma perché (forse sono monolitica, ma non mi pare visto che ci sono autori che mi affascinano e mi portano con la fantasia ovunque) mi ha lasciato totalmente indifferente e fredda.

Voto: 6

Consigliato: Se volete cercare un romanzo sulla lingua italiana, dove le lingue vengono mischiate, ma non avete ancora il coraggio di affrontare altri mostri sacri della letteratura, questo è un buon inizio. Se invece, come me, cercate di aggiungere tasselli all’andar per mare, questo ne è uno.

Scheda tecnica

anno di pubblicazione 1991

casa editrice Bompiani

stampato nel dicembre 1991 presso la Milanostampa – Farigliano (CN). Printed in Italy

copertina: “Le età dell’uomo” di Caspar David Friedrich, Lipsia, Museum der blindende Künste (particolare).

prezzo £ 29.000

pagine 281

“La vendetta di Salazar” di Joachim Rønning, Espen Sandberg

locandinapg3
Sul sito di mymovies.it la recensione

Spiegatemi una cosa: quale è il problema della Disney oltre a fagocitarsi tutte le saghe possibili immaginabili e renderle tutte estremamente banali e sempre più demenziali? Hanno perso l’ispirazione? Pagano a cottimo gli sceneggiatori? Una cassetta di mele e pere al posto del vil denaro e quindi la resa è quanto meno ridicola? Ditemelo perché io devo capire perché gli ultimi 10 anni di film di avventura (che siano per mare o per spazio) si riducano tutte, non in grande put…aaaane come direbbe Carlo Martello nella sua omonima canzone, ma a grandi effetti speciali e fuffa a quintali. Fuffa. Ecco cosa sono i film Disney. E per me che son cresciuta con i suoi cartoni animati, tutto ciò è un tradimento. Altro che staccare le maniche della giacca!

Le storie di pirati nel nostro immaginario si possono dividere in due filoni: uno è il cappa e spada per terra e per mare, l’altro l’immaginario ultraterreno che anima il mare. La saga de “I pirati dei Caraibi” appartiene di diritto al secondo filone, che in realtà è molto più complesso di quanto si creda per svariati motivi: nella mitologia del mare ci sono canoni da rispettare (tipo i kraken o i maelstrom), ci sono leggende immortali (tipo l’Olandese Volante) che hanno attraversato i secoli, ci sono libri che hanno contribuito ad aumentarne il fascino. Tutto ciò non si può dimenticare mischiando cose e persone come i peggiori libercoli alla Dan Brown (sia chiaro che per me lui è il sinonimo dello scrittore fuffa che saccheggia a piene mani la Storia e leggenda per mero profitto. Non mi piace e non difendetelo qua. Piuttosto smettete di leggere questo post o il mio blog se siete dei fan). Il primo film aveva fatto ben sperare regalandoci una vera avventura in mare con tanto di mistero, magia, cattivi a non finire e buoni fessi che si salvano. Il problema è stato che fra tutti spiccò un certo Johnny Depp con un assurdo pirata scapestrato di nome Jack Sparrow e la folla andò in delirio. In effetti nel primo episodio fu il grandioso contro altare del grande Barbossa/ G. Rush, mentre un timido Orlando Bloom ricopriva il buono bello e pieno di grandi sogni. Il secondo episodio vedono i due cuoricini Will Turner & Elizabeth Swann (e già qua a me ricordava moooolto “Monkey Island”) andar per mare e aiutare Jack che iniziava sempre più a prendere piede; per fortuna di tutti dall’altra parte c’era un maestoso e drammatico David Jones pirata maledetto e la stupenda Calipso. Il mondo dei pirati sembrava ampliarsi, grazie a uno studio sapiente delle scenografie, dei costumi e dei diversi mari dei pirati: uno studio che lasciava ben sperare in qualcosa che avrebbe potuto davvero rendere vivi ancora una volta i pirati in questo secolo.

E invece vollero strafare. Tronfi del fatto che il pubblico è cieco e fesso e basta dargli dei personaggi gigioni e sono tutti contenti, il terzo episodio non avrebbe nemmeno dovuto nascere. Il quarto manco mi ricordo se l’ho visto…e se riguardo bene manco il terzo riesco a ricordarmelo. Deve avermi proprio fatto schifo e son convinta anche di averlo visto al cinema. Mah.

Stasera invece, complice sky, il caldo e la necessità di guardarmi un film, ho recuperato “La vendetta di Salazar”. Ecco…dire che mi sono annoiata è dire tutto.

Non che le scenografie o i costumi non fossero all’altezza, anzi: credo che insieme a “Harry Potter” sia la saga con più investimento in tal senso, visto che sembra davvero che abbiano voluto ricreare un mondo credibile. Un investimento di impegno, di lavoro, di mestranze che non hanno riscontro col resto del prodotto film. La regia e la recitazione sono appena sopra al livello di accettabilità, come se lavorare in un filmone in cui tutti andranno a vedere comunque, non spingesse tutti a dare il massimo oppure non è che il copione obbligasse a prove d’attore. Un J.Depp stanco e annoiato, forse conscio che è oramai intrappolato in quel personaggio autodistruttivo di Sparrow, fa il suo minimo sindacale, pur essendo il protagonista. Bardem che è un signor attore si trova imprigionato nella computer grafica che mangia ogni suo tentativo di rendere Salazar un cattivo vendicativo di tutto rispetto. Rush che potrebbe avere una svolta nel personaggio, con l’unico elemento di dramma inaspettato, si butta via sperando di non essere più richiamato a rivestire i panni e la gamba di legno di Barbossa (gran bel personaggio in ogni modo). E la nuova coppietta amorosa du du da da da è talmente scontata e anonima

FAD
l’unico vero Guybrush è pixxelloso.

che passa in secondo piano, se non fosse che a questo giro Henry Turner è vestito quasi uguale a Guybrush Threepwood. A ‘sto giro chi nega che la saga è tratta dal celeberrimo gioco della Lucas Art (sempre sia benedetta) si merita un giro di chiglia.

La trama è il vero fallimento di questa saga. Ci sono sempre gli stessi passaggi: la coppia innamorata, il cattivone di mezzo, una maledizione, la Perla Nera, Jack Sparrow nei casini, lo scontro navale finale, tante botte di fortuna, tutto a posto, ciao alla prossima. Va bene una volta, due ok la si regge, ma al quinto capitolo è noia pura.

Si sprecano almeno due personaggi: Salazar e Sparrow. Il primo perché è un cattivo che viene spiegato e bruciato in cinque minuti col classico spiegone al momento in cui ci si sta addormentando sulla poltrona. Il secondo perché non avrebbe bisogno del tridente per risolvere i suoi problemi, ma un buon terapista. Oltre all’alcolismo, seriamente quali e quanti problemi ha questo personaggio per essere assolutamente incapace di usare in modo produttivo le sue capacità e i suoi saperi? Si salva sempre senza fare nulla, la quantità di fortuna e di gag alla Benny Hill si sprecano; ha a che fare con le più grandi magie e o non si ricorda mai come si gestiscono, credo a causa dell’etanolo nel cervello, o cosa siano o perché ci sono o che non si dovrebbero stuzzicare. E’ un giullare stanco che va avanti per fortuna e per una sceneggiatura favorevole, ma non aggiunge nulla di nuovo a se stesso o alla storia: è chiuso nella sua fantomatica ruota da criceto e continua a girare intorno senza fine come una vera maledizione. Ma perché? Non dico di renderlo serio, ma averlo trasformato in una macchietta triste non gli ha giovato.

Gli effetti speciali passano dall’ottima resa all’inutile esagerazione, ma almeno son sempre a buoni livelli spettacolari, se togliamo la scena di Sparrow giovane…brrr…rabbrividiamo (cit.).

Quindi dopo due ore e passa mi chiedo che senso abbia questa che risulta essere una stanca operazione commerciale che non porta niente a nessuno. Oddio, la gente continuerà ad andare al cinema, tanto va a vedere i cinepanettoni che sono idientici a se stessi dagli anni ’90 ad ora, e alle case di distribuzione e ai registi importerà poco il perché o il percome, basta che paghino. Questo però non è incoraggiante per nessuno, tanto meno per i veri appassionati di cinema o per quelli che cercano uno svago appena più elevato del cervello piatto che ride a comando.

Le storie di pirati sono una delle cose più avventurose che ci portiamo dietro dai secoli. Rovinarle in questo modo è un po’ desolante.

Scheda tecnica stringata

Regia 5; Scenografia 7 e mezzo; Sceneggiatura 4; Costumi 7; Effetti Speciali 7 ; Musica 6 (musica sul tema classico, senza discostarsi di più.); Fotografia 7; Cast 7 (sprecatissimo, ma non si può non rilevare la caratura dei singoli).

Voto: 6. La sufficienza se la porta a casa, ma per la tecnica e non per il cuore.

Il sito mymovies.it dedica un’intera pagina alle diverse critiche e il primo commento è azzeccatissimo. Vi metto il link per leggere tutto.

“Mari stregati” di Tim Powers

Da #unestatedapirati a #unavitadapirati è il motto che mi sono presa questa estate e che ho bellamente intenzione di portarmelo avanti finché non mi sarò stufata dei pirati, sempre che sia possibile la cosa.

Questo libro l’ho scoperto giroclando per il web e non ricordo più in quale blog l’ho visto consigliato (me ne scuso tantissimo, avrei dovuto segnarmelo. Sorry) e mi aveva colpito perché diceva, più o meno testualmente, che da questo libro era stato tratto il videogioco di “Monkey Island“. Per chi non lo conoscesse…che brutta infanzia che avete avuto! Mi spiace, davvero tanto, ma credetemi che potete recuperare anche se, non so, forse è come mettere una toppa piccola sui pantaloni rotti da buttare. Comunque sia il tratto principale del gioco era che vi erano i pirati, i non morti pirati, una storia d’amore, assurdità varie, una scimmia a tre teste, i cannibali vegetariani e il loro dio vulcano intollerante al lattosio, Le Chuck, Guybrush Threepwood, Eilane Governatrice, i pirati, il voodoo, Marley. E molto altro ancora. Ah! sì! El Pollo Diablo!

Che ci abbiate giocato o meno vi sarete resi conto che non era il gioco più serio del mondo e che non era nemmeno il più storico e preciso sulla pirateria che sia mai stato fatto, ma era surreale, divertente e leggero in salsa piratesca. Quindi avendo letto quello mi aspettavo un libro sul pezzo, oltre al fatto che veniva citata anche la serie dei “Pirati dei Caraibi” che tanto seria non è manco quella.

Il libro invece lo è. A suo modo. La storia si basa sul figlio di un burattinaio, coinvolto suo malgrado con pirati e voodoo, rinunciando alla sua vita per scoprire forzatamente che il mare è quello che sapeva fare e che il voodoo era quello che poteva comprendere. Il libro parla di una storia d’amore di base, ma non lo è, perché alla fine ogni buon eroe ha la sua bella di cui si innamora senza un senso (e a noi forse quel tipo di storie piacciono, mentre ci sono sbudellamenti vari a destra e a manca); parla anche di amori malati e frutto del proprio egoismo. Soprattutto parla di magia nera e di scontri sul mare, di abbordaggi e uccisioni, ma senza splatter; di cannoni e fontana della giovinezza; di ammutinamenti non riusciti e di Barbanera con le miccie nella barba appunto; parla della Marina e del Perdono, anche se un pirata fa un po’ fatica a stare nelle strette scarpe di un perdonato. E’ questo il bello di questo libro: è storico con la citazione di personaggi che sono entrati nella mitologia della pirateria, ma con quell’aspetto della magia rende tutto più denso, dando voce a quello che noi abbiamo sempre visto dei pirati, cioè il loro alone misterico, sovrannaturale e fuori dal comune.

Ci sono i loa e la Giamaica, Baron Samedì e i bocor, le navi fantasma, la magia femminile e quella maschile, le piante senzienti e le bussole che possono essere ottimi talismani.

Il libro è ben scritto, con un ottima dose di descrizione di momenti di guerra (anche con tecnicismi che io ho faticato a comprendere nella loro dinamica) e dialoghi; i personaggi sono ben descritti e se su tutti troneggia il non morto Barbanera, Jash Shandy è il nostro eroe in cui non possiamo non identificarci con quel misto di ingenuità e comprensione e anche una sana dose di fortuna.

Perché leggerlo? Perché è davvero un libro di pirati, quei pirati che tutti noi cerchiamo fin da quando siamo piccoli e ci fanno avvicinare alle storie di mare, dove sappiamo benissimo (e lo sapevano i nostri avi quindi chi siamo noi per andar contro di loro) vivono i peggiori mostri marini e se non ci sono è perché potenti stregoni li tengono lontani e addormentati. Andar per mare con questo libro è davvero un piacere e non solo, visto che la parte storica o tecnica è talmente resa bene (o venduta bene? Chi lo sa, io non andare per mare) da far rendere tutto credibile.

Voto: 7 e mezzo. Perché la vorrete anche voi una testa mozza e rimpicciolita da tenere in una scatola. Fidatevi.

Scheda tecnica

Titolo originale: “On Stranger Tides”

Anno di pubblicazione: 1988

Traduttore: Graziana Cazzola

casa editrice: Fanucci Editore

finito di stampare nell’aprile 2011 presso Puntoweb – via Variante di Cancelleria snc – Ariccia (RM). Printend in Italy

Progetto Grafico: Grafica Effe

Copertina: foto di Jhonny Deep, “Pirati dei Caraibi”,©Photo12/Olycom *

Pagine 391

Prezzo €16,00

 

*Piccola postilla sulla copertina: detesto i libri con la copertina tratta dal film che è stato tratto o ispirato. Lo detesto fortemente. Primo perché così lega idealmente libri e film che magari non hanno niente a che fare fra loro; secondo perché tendenzialmente non sono belle, anche se ben fatte, perché sempre troppo limitate per rendere la complessità della trama; terzo perché fuorviano il lettore (qui quante ragazzine saranno impazzite davanti al faccio ammiccante di Deep per poi trovarsi un libro dove non c’è Jack Sparrow?); quarto perché la sana tradizione degli illustratori di copertina deve essere incentivata anche se costosa per gli editori perché se no si perde la mano e l’estro di chissà quanti illustratori.

 

“I guardiani della galassia vol.2” di James Gunn

guardiani-della-galassia-locandina
recensione di mymovies.it

Quando era uscito il primo capitolo di questo film ero rimasta sconvolta di come mi avesse preso, divertito, coinvolta e fatta ballare sulla seggiolina del cinema e nello stesso tempo era tratto dall’ennesimo fumetto che non conoscevo. Ma io dove ho vissuto tutto questo tempo? (Dovrei farmela tatuare questa frase, perché ho un sacco di cose da conoscere). Aspettare questo secondo volume non è stato ansiogeno, ma la preoccupazione che fosse una ciofeca c’era. Poi sono usciti i trailers, ma di quelli non bisogna fidarsi troppo soprattutto per film così spettacolari (non è raro pensare che montino le scene migliori solo per accalappiare la gente, la stessa che poi esce dal cinema chiedendosi cosa sia andato a vedere). Poi indiscrezioni e lì un po’ si trema. Insomma sperare che fosse all’altezza delle aspettative. Comunque tagliamo il preambolo che poi diventa una lagna: sono andata a vederlo il giorno dell’uscita in Italia, il 25 aprile.

E………. (sì non bastano i puntini!) porcalamiserialadraimpestata è bello!!!!

I protagonisti sono gli stessi, ci sono dei cattivi in più, c’è un super cattivo che spiega qualcosa in più del nostro Starlord, ma alla fine loro sono loro.

-attenzione la lettura successiva potrebbe contenere spoiler, anche grossi. Non lo faccio apposta, ma parlare di questo film non è semplice senza rivelare più del dovuto per una normale recensione.-

Sì, sono loro, qualche tempo dopo e qualche casino in più. Sembra che i loro rapporti siano un po’ congelati, come se il tempo avesse deciso di sistemare i particolare, lasciando stare i “non detti fra di loro“. Groot non è cresciuto di tanto, ma è una piantina con gli occhi grandi e la capacità di comprensione apparente di un cactus sasso; Drax rimane surreale, spaccone e “stronzo” (nel senso che ti dice la verità in faccia senza filtri e fregandosene se te la vuoi sentir dire) come sempre; Rocket vorremmo che si fosse calmato, ma è solo più infeltrito senza la versione grande di Groot (che serviva a tenerlo buono, dandogli modo di fare le peggio cose; invece ora i ruoli si sono invertiti e non è che piaccia molto al nostro “procione”, anzi proprio per niente); Gamora è quella solida, ma troppo controllata, insicura per lasciarsi davvero andare e scendere al livello assurdo dei suoi compagni di viaggio.

I piani di visione di questo film sono almeno due chiari: Rocket che ruba delle batterie supermegastrafighe e costosissime a un pianeta e popolazione ipermega fighetti (manco gli elfi de “Lo Hobbit” sono così statici e soprattutto non hanno un’enorme sala videogiochi con cui scorrazzare per l’universo davvero, fondendo realtà virtuale e realtà reale), con annessi e connessi di fughe e contro fughe; Starlord incontra suo padre Ego. Già solo così basterebbe un solo film, ma questo è solo un modo per raccontare un altro tipo di storia, una storia che non ti aspetteresti mai da un film tratto da un fumetto: qui si parla di famiglia e di padri. Ebbene sì, il tema, il sotto tema chiamiamolo così, è proprio questo ed è anche trattato con i contro fiocchi. Starlord ha un padre genetico alieno che se ne è ben sbattuto di lui e della madre (e della morte di lei che però a quanto pare è ben più dolorosa di quanto lo fosse già all’inizio del primo film, a tal punto da contendere lo scettro dell’inizio più drammatico e doloroso con il film “Up”) e un non-padre che lo ha rapito proprio alla dipartita dell’unico genitore amorevole: Ego contro Yondu. Una bella gara che con facilità dovrebbe vincere il primo, con quel suo sguardo tranquillo, l’aspetto accogliente, il capello a posto (stiamo parlando di Kurt Russell!) e il suo bel pianeta ipercolorato, mentre il secondo è un ladro, un truffatore, un ladro di bambini per giunta! In realtà a ben guardare le cose non solo sono più complesse, ma proprio per tale motivo sono anche più semplici: il padre dio con quel suo nome fa capire bene quello che è davvero e cosa si aspetti dal figlio, cosa che solo Crono era riuscito a fare mangiandosi figli uno dopo l’altro per non dover soccombere alla profezia; mentre l’altro rimane al fianco di quel ragazzino smilzo, utile per infilarsi nei posti stretti per rubare, diventato oramai un uomo ed è lì, con tutti i suoi difetti, senza maschere, senza filtri, senza voler comprare nessun affetto, anzi portandosi dietro i suoi difetti. Yondu si rivela essere un personaggio ben più complesso di quello che aveva dato a credere nel primo film, di quelli a cui non daresti 3 soldi come credito di sentimenti ed invece rileggi tutte le azioni sotto quella luce: sì, lo aveva rapito ma per volere di Ego e sì, lo aveva rapito anche da Ego una volta capito cosa quell’essere faceva coi propri figli. E non era una bella cosa.

Nel mentre Gamora, così solida, così donna tutta di un pezzo, così sicura di se stessa, persa quella faccia da aliena liberata dalle catene, si trova ad affrontare due sentimenti che non sono robina: quel non detto con Starlord e sua sorella Nebula che la vuole morta. Anche loro sono una bella coppia di famigliari eh!, ma anche loro subiscono gli effetti di un distorto ruolo paterno che invece di essere colui che istruisce e spinge a superare i limiti, è colui che mette i figli uno contro l’altro per poi dominare l’unico rimasto. Un altro padre distruttore di sentimenti, fiero di esserlo, senza capire quanto patetico risulti essere, ma alla fine nemmeno gli interessa essere padre: per figure come Ego e Thanos (e i nomi non sono a caso) non si può nemmeno parlare di padri e nemmeno di veri e propri genitori, ma forse di addestratori di uomini e donne (il secondo) e parassiti di capacità (il primo); siamo noi a dare loro un ruolo che non potranno mai ricoprire. Ecco quindi che le due sorelle, costrette a combattersi da sempre con esiti disastrosi evidenti su una, dovranno fare i conti fra di loro e farli davvero, arrivando a doversi scontrare l’ultima volta non più con le armi ma con i propri sentimenti per capire che in fondo possono davvero ricominciare e rinunciare al passato doloroso.

Gamora e Starlord. Beh…loro sono il loro stesso non detto fra di loro. E devono decidere, come dice Drax se essere entrambi gente che balla o che non balla, perché così non vanno da nessuna parte insieme e si vede lontano un miglio stellare che non possono non stare insieme (sì, siamo delle romanticone, ma cacchio!!!).

Sì, questo film parla di tante cose, inseguimenti, sparatorie, mostroni, alieni vari, pianeti strani, compagni di viaggio e compagnie di spacconi stellari, ma parla di famiglia. Profondamente. E se la cosa non l’avete capita, mi spiace, ma forse vivete quella fase in cui date tutto per scontato perché tizio caio e sempronio vi siedono a fianco da una vita e non vi fate mai una cacchio di domanda del perché. Mi spiace ma se avete trovato noioso questo film vuol dire che non solo questo film non fa per voi, ma che qualcosa di scontato ottenebra ogni vostro sentimento e, fatevelo dire, i noiosi siete voi.

Leggetevi anche questo bel post che ho trovato giusto giusto oggi prima di scrivere questa recensione: è una analisi in stile freudiano, con tanto di rapporti e fasi delle persone, ma è ben scritto e ovviamente mette tanta carne al fuoco (soprattutto per quelle donne che vorrebbero essere Gamora o che lo sono ma non riescono a trovare il proprio Starlord).

VOTO: 8

Scheda tecnica veloce:

Regia 8; sceneggiatura 7/8; scenografia 7; fotografia 7 e mezzo; costumi 7; effetti speciali 8; musica 9; cast 8. Come al solito la musica ti fa ballare sui seggiolini e a questo giro è anche più appropriata del primo (senza balletti brutti alla fine del film per incastrare il cattivone di turno. Non glielo perdonerò mai al primo film, si sappia!). E il cast ha un sacco di cameo meravigliosi che denotano che gli attori bravi oramai si divertono come scemi a uscire dalla loro comfort zone e gli spettatori approvano.

“La dama del sudario” di Bram Stoker

20170106_131153_wm
recensione di goodreads

Ho finalmente finito il libro della lettura di Halloween. No, fermi non è successo nulla, ma come ho potuto dire altrove mi sono incartata con i libri presi in biblioteca e quindi le tempistiche sono andate tutte in tilt. Per la lettura di Halloween mi è rimasto anche un altro libro che ora comincerò. Diventa difficile scegliere un libro che sia a livello dei grandi classici di genere, senza cadere nello splatter o in altri generi; diventa difficile trovare atmosfera e sensazioni ed emozioni, legate a mostri di forma varia, cattivi e buoni. Sì, diventa sempre più difficile, anche se devo dire che ce ne sono tanti da leggere (se non fosse che tanti ne ho anche già letti). A questo giro mi sono affidata al “popolo di fb” (bhe in realtà ai miei contatti sul mio profilo privato, quelli con cui si chiacchiera tranquillamente di tutto e che so che sono buoni lettori) e la scelta è ricaduta su Stoker e Hodgson. Parliamo di Stoker.

Parte bene il racconto, con tutti gli elementi che ci aspettiamo, forse un po’ forzati nella memoria dal grande “Dracula” che non si può non leggere almeno una volta nella vita. Abbiamo il viaggio in nave e una misteriosa bara; abbiamo un’eredità misteriosa e forse “ingiusta” (in ottica di famiglia, mica per altro); abbiamo un giovane avventuroso con tanto di zia buona alle spalle; e infine abbiamo un paese sperduto per i monti in una zona indefinita dell’Europa. Tutto come è per Dracula, se non fosse che il nostro zannuto protagonista si muoveva dalla Transilvania per andare a Londra, mentre qui si fa il tragitto inverso. Buona parte del libro mantiene l’atmosfera di ansia, paura e paranormale con il nostro giovane eroe pronto a diventare uno del paese delle Montagne Azzurre, a farsi carico di tutti i loro problemi, ma affascinato da una strana fanciulla vestita solo di un sudario bianco che lo viene a trovare solo di notte. Zan zan! (musichetta di sottofondo).

Buona parte del libro alla fine gira attorno a Rupert che narra nel suo diario questa sua infatuazione, questo suo non capire chi ha di fronte, l’accettazione anche della sua natura vampiresca e la sua romantica intenzione di liberarla dall’inferno. Il lettore si incammina sulle orme, lungo le scalinate di cripte fatiscenti, attorno a camini dei castelli cercando di mettere in allarme tutti, quando alla fine…

****ATTENZIONE SPOILER****

…alla fine tutto si risolve in una romantica bolla di sapone. Niente vampiri, niente discese negli inferi, ma solo una avventura buona per i lettori dell’epoca che cercavano il mito del combattente eroe, capace di guidare aerei e scalare montagne per difendere l’amata rapita dal Turco (e qui ci sono tutti i pregiudizi dell’epoca riguardo all’impero ottomano. Pregiudizi…vabbè sì, alcuni, ma altri erano il frutto di rapporti diplomatici interrotti con atti di guerra e azioni di conquista da parte dei turchi di terreni limitrofi all’impero. Non che l’impero britannico non facesse lo stesso, ma alla fine uno scrive per i suoi, mica per il nemico), donna di altrettanto valore e coraggio, degna di essergli moglie; con tanto di alleati e sottoposti geniali e coi contatti giusti.

Il libro si è rivelato un bel romanzo d’avventura di fine ottocento-inizio novecento, con gli elementi di esotismo, di ingegno, di capacità militare che tanto infiammavano gli uomini e le donne prima della guerra mondiale (che nessuno avrebbe immaginato, ma di cui si sentivano i sentori lontano un miglio molto probabilmente). Non posso dire che non sia stata una bella lettura, ma non era quello che mi aspettavo.

Stoker scrive ancora una volta in forma di diario e scrive bene (e viene tradotto bene, anche se ogni tanto qualche errore di battitura non corretto da un correttore di bozze c’è), con quel suo parlare lineare pieno di subordinate e correlate che son sempre un casino da leggere se perdi il filo. Mi piace la scrittura di Stoker non fraintendetemi e a questo giro mi sono anche divertita a leggere a voce alta il libro (si presta, sappiatelo), ma è un attimo dimenticarsi il soggetto della principale. La vicenda è ben scritta e anche le parti più oscure sono ben sciolte senza troppe forzature, anche se il prologo mi rimane a posteriori totalmente oscuro e lontano dal resto…

Quindi se volete un libro avventuroso e gotico nello stesso tempo, questo è quello che fa per voi; se invece cercate un horror gotico non è questo il libro che state cercando.

Voto: 6 e mezzo. Alla fine, anche se è stato piacevole non era quello che cercavo e rimanendo in quell’ottica si sono sprecate occasioni e buttato in mare troppi ami per non pescare alcun pesce morto. Se lo avessi letto come libro d’avventura sarebbe cambiato qualcosa? Boh, alla fine in quell’ottica ci sarebbero stati troppi elementi non consoni. Stoker cosa volevi scrivere? E soprattutto per chi?

Scheda tecnica:

20170106_130526_wm
Ma perché i libri hanno smesso di mettere schede tecniche come questa? Sarebbe un bel riconoscimento per il team di lavoro editoriale.

titolo originale The lady of the Shroud

traduttore: Gabriele Ruggero

anno di pubblicazione:

edizione: Basaia, i libri del Graal

introduzione di Riccardo Reim

finito di stampare: novembre 1985 presso la I.T.L. di Palestrina

progetto grafico e impaginazione: Valtenio Tacchi

copertina: Tarocco di Aleister Crowley

in quarta di copertina: Bram Stoker in un disegno del 1885

pagine 175

prezzo: £ 18.000

“I tre moschettieri” di Paul W.S. Anderson

vert ITM new
recensione dal sito di mymovies.it

“I tre moschettieri” sono un grande classico, ripreso più e più volte in vari modi e con soluzioni diverse e più o meno interessanti. Questa versione è sicuramente quella più smargiassa, che strizza l’occhio allo steampunk e che se ne frega della storicità e credibilità, per strappare un sorriso e una chiara serata di divertimento. La visione di questa versione della storia è assolutamente sconsigliata ai puristi e agli amanti della vicenda a tal punto da saperne a memoria le battute.

Partiamo dal cast (voto 7) di notevole spessore, con nomi più o meno conosciuti, ma sicuramente quasi tutti riconoscibili. Passiamo da un ormai noto e famosissimo Christoph Waltz che interpreta il cardinale Richelieu, al caratterista (tocca dirlo visto che appare sempre come personaggio da spalla) Ray Stevenson come Porthos, ai conosciutissimi Milla Jovovich come Milady e Orlando Bloom in un improbabile e sopra le righe Buckingham. E poi tanti altri. Insomma un cast valido che non ha sicuramente scelto questo film per ambire a qualche ruolo, ma forse ha voluto prendersi una pausa, divertirsi un po’ e fare magari cose che possono aver sognato di fare quando vedevano la versione del 1973. Insomma, per dirla in parole povere: gran cast baraccone e sopra le righe che trasmette divertimento.

Gli effetti speciali ( voto 8 ) rendono questo film valido da guardare. Perché diciamocelo ancor più seriamente. la trama è quella, anche se la resa non è stata troppo fedele (sceneggiatura  voto 5/6 ), non ci sono cose particolari da evidenziare; i costumi ( voto 7 ) sono una versione glamour o steampunk, dipende dai casi, di quelli storici. Insomma niente di nuovo sotto il telone cinematografico se non fosse per gli zeppeling o navi volanti, per i combattimenti schermistici al limite della fisica, dei labirinti alla “Mission Impossible” e cose del genere. In quel momento c’è l’esaltazione del pubblico che volutamente ha lascito il cervello sul comodino e si è preso un momento di pausa. E’ nella scenografia ( voto 8 ) volutamente esagerata, che strizza l’occhio ai fumetti e usa l’arma del verosimile storico (ne vogliamo parlare della mappa alla risiko dell’Europa che ha il cardinale sul pavimento del suo immenso studio? Semplicemente meravigliosa!).

Un film sopra le righe con una regia ( voto 6/7 ) che guida tutto senza aggiungere niente di particolare, che lascia andare la macchina del racconto senza mettere niente di troppo o di troppo poco; una fotografia ( voto 7/8 ) che fa la sua porca figura, ma senza prendere il sopravvento; la musica ( voto 7 e mezzo ) aiuta a supportare tutto.

Insomma un film da vedere con la compagnia giusta, che abbia voglia di divertimento senza troppe pretese di sottotesti. Ultima cosa: ho visto il film su netflix quindi in 2D e si guarda molto volentieri lo stesso; non vedo la necessità imperante di un 3D anche se capisco che la battaglia aerea sarebbe stata ancor più grandiosa. Guardatelo tranquillamente anche in 2D.

“Immortals” di Tarsem Singh

Prendete la mitologia greca, prendete Versace e mischiatelo e…stop! C’è già! O è la pubblicità di Versace (e con un pizzico di Dolce & Gabbana) o è questo film. Punto, recensione finita, il consiglio è di guardare un altro film e non perdere tempo con questo. Va bene, mi applico un po’, ma il giudizio delle prime righe non cambia.

Come è sempre stata mia tradizione quando si fanno le pause tecniche da gioco da tavolo o cose simili, il gruppo di amici ha l’ “obbligo” (più o meno imposto dalla maggioranza) di vedersi un film possibilmente di serie Z, se è B va bene, ma evitare quelli belli possibilmente. Perché questa forma di masochismo cinematografico? Perché quando si è in totale relax, il cervello settato sulla modalità “stupidera + lancio dei dadi” è un peccato sprecare un bel film, anche perché si tende a chiacchierare, ridere e commentare sonoramente, mentre si passano patatine e mangiare vario ed eventuale (e non dietetico). Netflix ci aiuta molto in questa scelta oculata e ponderata (nel caso non ci fossero film giusti, ci sono sempre i documentari complottari da vedere).

Premetto un po’ di cose:

  1. amo la mitologia greca, anche se in generale le mitologie e le teologie mi interessano per svariati motivi. Da bambina leggevo i miti greci al posto delle favole. Conosco oserei dire quasi a memoria tutte le storie. In più avendo fatto il greco a suo tempo il mio studio dell’argomento è diventato anche più tecnico grazie alla severità e bravura della mia professoressa del liceo.
  2. ho guardato e adorato “I cavalieri dello zodiaco”. Cosa cacchio c’entrano con la mitologia greca mi chiederete, beh…appunto! Quello che voglio dire è che per quanto ami la storia, sia rigorosa in certe cose, posso benissimo concedere strappi alla regola che siano minimamente credibili o comunque che abbiano un senso logico interno alla vicenda. Ok, sì, lo so Pegasus rompeva le scatole e Phoenix sistemava tutto e Lady Isabel si andava a mettere nei guai apposta. Lasciamo perdere.
  3. mi incuriosiscono le versioni un po’ estrose dei classici, purché abbia senso, purché ci veda un senso. Tipo “300” che non è un film storico, che non ha niente di storico, che è fumettistico, ma se si è studiato quel momento e la mentalità greca dell’epoca, è un film metafora dell’evento.

Fine premessa, doverosa, perché capiste il perché del mio giudizio.

provaverticale 2
recensione di mymovie.it

Partiamo dalla storia (sceneggiatura: 5). Prima di tutto non è una storia conosciuta, ma un qualcosa che forse, perché no?, poteva essere accaduta ma non è stata tramandata. C’è un eroe, tenuto d’occhio in incognito da Zeus (sempre lui in mezzo alle scatole!) fin da quando era bambino; una situazione di guerra e tradimento; un cattivo che minaccia la vita e la libertà di una regione; una profetessa e i suoi sacerdoti più o meno sicuri nel loro tempio; un oggetto mitico. La trama la capite benissimo anche voi: il cattivone vuole l’oggetto che è conosciuto dalla profetessa, quindi mette sotto assedio una regione che caso vuole sia quella del nostro eroe; l’eroe e la profetessa si innamorano e bam! Vabbè, avete capito, “niente di nuovo sotto al sole”.

Allora il punto forte dovrà essere la resa, visto che la trama è un po’ trita e ritrita. Passano gli effetti speciali (7), buona la fotografia (8), la musica non me la ricordo (come al solito, ma che ho? Non può essere sempre colpa mia che non ricordo la musica di un sacco di film) e la direzione (7) è ben fatta, visto che poi, inspiegabilmente, si è trovato a gestire un cast (6/7) con alcuni pezzi buoni (i quali, mi chiedo, con che follia abbiano accettato la cosa). Tutto ciò però non basta o almeno a me non basta, perché un libro si potrà comprare dalla copertina, ma se poi ha le pagine bianche non è altro che un soprammobile.

Scade terribilmente nella scenografia e nei costumi: insufficienti gravi. Allora, chiariamoci bene e tenete a mente il punto 3: un classico, o una storia ambientata in un momento mitico della nostra storia, può essere stravolto nella sua estetica, ambientato in altro momento della storia, rigirato come un calzino, ma in ogni momento questa modifica del testo originario deve avere un senso ed essere da supporto alla vicenda, mentre se prende il sopravvento e diventa pura estetica sterile tutto perde di significato. Non è un caso che a tutti noi che lo guardavamo ci sia venuto in mente uno spot di Versace (visto che se non ricordiamo male aveva ambientato proprio i suoi spot in un’ipotetica Grecia mitica), non a caso che anche mymovie lo avvia sottolineato, perché è così: i costumi non raccontano, non sottolineano, non guidano, non stanno a servizio della storia, ma diventano un momento a sè stante, estetico e basta, incomprensibile e fuori luogo. Parliamo del corpetto di Atena e del suo velo nero da vedova sulla corona puntuta (ma Atena non era la dea della guerra? mah), del martello di Poseidone (comprato in un negozio di giocattoli. E il tridente che fine ha fatto? mah2), dell’ “elmo” a corna di montone/occhi di mosca di Ares (mah3) e della cresta dorata di Apollo (abbiam fatto fatica ad accettare la cosa, forse più della mosca di Ares. mah4). Finiti gli dei, visto che Zeus vecchio ha un mantello di corde intrecciato e Zeus giovane è col gonnellino e bon. L’elmo di chela di Zoiberg del cattivo ne vogliamo parlare? Ma anche no, dai, se no tocca chiedere con che coraggio  Mickey Rourke lo abbia voluto portare… Le profetesse sono molto orientaleggianti e possono andare anche se il bustino non si può guardare, ma se lo porta Atena sarà di moda che vi devo dire. Le guardie e i cattivi hanno le maschere fatisch in faccia (forse per non ridere o piangere, dipende se c’era uno specchio alla portata oppure no). Ometto la descrizione delle armature, ma tutti noi abbiamo deciso che gli scudi cromati degli “opliti” sono una sciccheria, ma mai come il mantello blu sbriluccicoso del re. Gli scudi li vogliamo anche noi, il mantello no perché nemmeno a Iperione è piaciuto.

Punto a parte sono le scimmie titane o i titani scimmia, ancora non abbiamo capito come denominarli. Le tratterò a parte perché sono un’offesa a tutto quello che ci è più sacro nella mitologia e nella Storia. Prima di tutto perché sono rinchiuse da non si sa quanto tempo in una specie di mini calcio balilla dorato e sono agganciati fra loro per la bocca e non sappiamo perché; secondo perché quando vengono liberati/e si muovono come scimmie impazzite. Perché? Posso sorvolare su abiti esageratamente fuori luogo (la costumista era colei che ha anche curato “Dracula di Bram Stoker”, Eiko Ishioka, quindi possiamo capire il gusto e l’estetica) in quanto scelta stilistica che può piacere o meno; posso sorvolare sul fatto che la storia è di una banalità estrema, con buchi di trama e dialoghi inascoltabili; ma le scimmie titane gridano vendetta! I titani hanno scatenato una guerra (che alla fine del film si vede come se fosse un vibrante formicaio bicolor: oro da una parte e nero rosso dall’altra. O almeno così mi ricordo), sono stati imprigionati, si dice “titano” di qualcuno grande e grosso, il Titanic si chiamava così in loro onore (e non gli è andata bene per quello mi sa)! Non erano piccoli, neri (catramati poi), che si muovono a scatti come se fossero tarantolati…

Ora, ogni film ha un suo senso e se il senso di questo era fare un lungometraggio sulla moda hanno sbagliato tempo, luogo, storia. E non ha nemmeno senso paragonarlo ai peplum, nemmeno quelli in cui Maciste incontrava Godzilla. Questo film è una fuffa bella e buona che non accontenta sicuramente chi accetta un film in costume, anche non storico, ma che faccia passare due ore raccontando qualcosa.

Voto: non guardatelo. Fate altro.

“Le avventure di Peter Pan” di J.M. Barrie

rapsodia in verde
rapsodia in verde

Chi di voi/noi non ha visto da bambino/a la versione disneyana di questo racconto e non ha sognato di andare nell’isola che non c’è? Chi non ha sentito almeno una volta nella vita la versione cantata di Bennato (sì, qui lo so ho svelato un po’ di che epoca sono)? Chi non ha pensato almeno una volta ai pirati, mimando con le mani l’uncino di un famoso cattivo? Beh credo che ognuno di noi ha fatto questo e altro e si è sentito un eroe vero e proprio, come ho fatto io per lungo tempo.

Poi leggo il romanzo e qualcosa non quadra. Da sempre so che la Disney ha operato non tanto un rimaneggiamento del testo delle fiabe, ma una vera e propria riscrittura rendendo più appetibile ai piccoli storie ed emozioni, a fine benefico e positivo, creando così un falso mito (in senso di mitologia infantile) in tante generazioni; quindi era doveroso andare un po’ alla fonte delle cose e leggere gli originali (deformazione professionale oserei dire).

Mi armo di pazienza e inizio a immaginarmi di leggerlo a un piccolino, a voce alta (leggere a voce alta anche da soli è un buon esercizio di respirazione, attenzione, recitazione e concentrazione. Ve lo consiglio. E’ fondamentale, fidatevi), con quel senso che da sempre ritengo fondamentale di condivisione di saperi da una generazione all’altra. Eppure qualcosa non mi quadra…Peter è un bambino “caduto” come tanti altri, probabilmente dalla cesta o dal passeggino, senza che nessuno se ne sia accorto (ovviamente è la versione dal punto di vista di lui anche se non è biografico. Forse leggendo la versione della madre scopriremmo un destino ben più doloroso e purtroppo comune fino a 100 anni fa: la morte in culla), salvato dagli uccellini perché alla fine bambini e uccellini sono come una stessa stirpe. Il primo capitolo sembra un inno all’abbandonare le madri in quanto responsabili di far perdere l’uso delle ali ai propri piccoli: terribile!

Poi la storia procede come la conosciamo con Campanellino (fata dispettosa, femmina in tutto quello che è negativo, mai davvero fondamentale, gelosa e possessiva. Sì, alla fine davvero una fata!), Wendy, John, Michael, i bambini sperduti, Uncino, Spugna, la sua ciurma di pirati e il coccodrillo. Tutto è come te lo aspetti, non ci sono altri personaggi, ma è la loro descrizione, il loro agire che mi ha basita e un po’ terrorizzata.

Prima fra tutte Wendy: da subito ha un imprinting socio culturale fortissimo di “madre” e come tale si comporta in ogni suo momento con tutti, indifferentemente dal ruolo, persona o carattere. Lei gestisce, amministra, si strugge, controlla e si ritiene madre asessuata di quei piccoli, con un rapporto ambivalente e sul filo del morboso con Peter “padre” e “figlio” nello stesso momento. Al di là della differenza di caratteri fra me e Wendy e che sicuramente da bambina non l’avrei sopportata mezzo secondo, questo aspetto disturbante di “adolescenza precoce” (non parlerei di sesso, perché davvero significherebbe stravolgere tutto e anche malamente) mi ha infastidito rendendo il personaggio fuori luogo, odioso e purtroppo focale per il proseguimento della vicenda: Peter necessita di una madre per sè, per i bimbi sperduti, per la sua isola, per tutti, come un bisogno ossessivo.

Poi c’è Peter Pan che non ha nulla dello scanzonato ragazzino felice e divertente, ma invece mostra tutti i suoi lati oscuri di menefreghista, amorale (alla fine non la conosce), tutto incentrato su di sè e sui suoi bisogni, anche quando aiuta gli altri. Tutto deve girare attorno a lui e ai suoi voleri e tutti devono girargli attorno come unico capo indiscusso e incontrastato. Alla fine è un antieroe in grado di attirare le simpatie di tutte, ma di non tenere per sè niente altro che il tempo presente e le sue avventure. A leggere questo romanzo si capisce veramente meglio il fenomeno psicologico maschile che prende il suo nome…

E in ultimo, tralasciando tutti gli altri, c’è Capitan Uncino che svetta per essere un vero cattivo. Pur cercando di sminuirne la grandezza di pirata senza scrupoli con momenti da macchietta, tutta la sua descrizione (da quella fisica a quella psicologica) ruotano attorno alla parola carisma. Mi spiace Peter, ma per quanto tu sia il vincitore della storia, quello vero è questo pirata oscuro e da un passato (forse umano, ma non si capisce bene sta cosa) di grand uomo, vittima dei tuoi scherzi e dell’angoscia del coccodrillo, orgoglioso, attento alle buone maniere…insomma è davvero il pirata che ti aspetti dalla letteratura britannica.

Che altro dire? Che non sarei mai davvero in grado di leggerlo io a un bimbo perché non ne ho compreso il vero valore educativo, anzi per certi versi mi ha ricordato un po’ “Il signore delle mosche” di Golding, anzi un antefatto dove i bambini rifuggono qualsiasi regola sociale, se non quella di un leader capo indiscusso, e dove non c’è una vera libertà di azione e di autonomia. Forse alla fine quando i bambini sperduti faranno una determinata scelta di vita, c’è una visione pedagogica e moralizzante tipica del periodo in cui fu scritta, ma quella è l’unica azione personale (anche se di gruppo) che sbalordisce, se no tutti risultano succubi di Peter. Anche l’amore famigliare della famiglia di Wendy & co è molto macchiettistica e stucchevole e sinceramente non ho compreso nemmeno questo modo di descriverla (si salva Nana solo perché è tenera).

Voto: 6/7 Perché è ben scritto, ma mi ha terrorizzato. Tanto ci sarebbe da dire ancora di più, ma ne verrebbe fuori una tesi e questo non è il luogo.

Scheda tecnica

anno di pubblicazione: 1904

titolo originale: “Peter Pan in Kensington Garden”; “Peter and Wendy”

traduzione di Paolo Falcone

premessa di Diego de Silva

casa editrice Newton&Compton  collana “I MiniMammut” n*85

finito di stampare marzo 2015 presso Puntoweb s.r.l., Ariccia (Roma)

copertina: illustrazione di © Mikel Casal

progetto grafico: Sebastiano Barcaroli

realizzazione: Alessandra Sabatini

pagine 224

“Mangiatori di morte” di M.Crichton

locandina del film

Per quasi tutti i rievocatori il film “Il 13° guerriero” di John McTiernan è un must, a volte da sapere a memoria in tutti o alcuni suoi passi. Questo film racconta la storia di un arabo capitato come ambasciatore fra i normanni, il quale viene coinvolto in una vera missione guerriera, attraverso la quale conoscerà il popolo in quasi tutti i suoi aspetti. Gli spettatori si innamoreranno dei personaggi, ma soprattutto della sceneggiatura, dei dialoghi e di tanti piccoli dettagli che rendono questo film credibile, anche se non filologicamente corretto.

Avvertenza: la recensione contiene spoiler. Leggete a vostro rischio e pericolo.

http://www.amazon.it/Mangiatori-morte-Michael-Crichton/dp/8811677416

Il film trae spunto dal romanzo di Crichton. Alt! Non un romanzo storico come ce lo aspettiamo, ma la trasposizione letteraria (anche se è un falso storico) del racconto dell’arabo Ahamad ibn Fadlan, scrittore e ambasciatore arabo per conto del califfo abbaside di Baghdad anche presso i popoli scandinavi. Basandosi sul racconto rimastoci, la vicenda narra un singolo e particolarissimo episodio dove storia e leggenda si mischiano lasciando spazio a mille fantasiose immagini. I vichinghi (o nordmen, da qui normanni termine usato maggiormente da quando si stabilizzarono in Francia del nord e poi nel sud Italia) sono uomini rudi e dalle usanze rozze, abituati a essere combattenti sempre e comunque, violenti quando serve (o anche no), e giusti; guidati dalle loro superstizioni, ma solidi nelle loro convinzioni religiose. Questo arabo preciso, figlio della sua terra assolata e civile, si trova come un pesce fuor d’acqua a guardare usi e costumi totalmente differenti, lontani dalla sua visione della vita, ma soprattutto si troverà a dover combattere, a essere appunto il “tredicesimo guerriero”, colui che non è settentrionale.

Le differenze fra film e libro sono in realtà minime, anche se il libro si sofferma maggiormente sui rituali funebri e sulla promiscuità accettata, come un valido contorno della guerra e della vita. La schiava che muore sorridendo sulla nave funebre del proprio signore, dopo che è stata posseduta dai soldati dello stesso, è pari alla battuta di spirito prima dello scontro. I wendol e la bruma, le paure del mare, i mostri, tutte cose che passano la realtà e diventano parte di un mondo che è difficile da comprendere appieno se non chiamando in campo “angeli della morte” o divinità.

Crichton crea il suo romanzo come un vero testo storico, con tanto di note accurate e appendice, ma quando lo si legge, per chi è appassionato di storia, qualcosa inizia a non quadrare. Non è il fatto che è il punto di vista di un arabo che guarda popoli diametralmente opposti da lui e quindi vittima del proprio pregiudizio, ma è che la descrizione pare falsata da un volere presentarli come dominati dagli istinti e mai dalla logica, dalla superstizione e mai dalla strategia, dai rapporti di clan e dall’opportunità.

L’attore Vladimir Kulich

Fra tutti i personaggi spicca il capo Buliwif: guerriero, condottiero, re mancato, eroe dal destino segnato. Parla poco, osserva tutto e tutti e con cipiglio affronta e si confronta con lo straniero, denotando una curiosità e intelligenza superiore a quella del resto della sua compagnia d’arme. La sua fine ben più lunga e descritta, non troppo dissimile nel film, è il momento ultimo del racconto, la conclusione logica di uno scontro di civiltà, la fine di chi come gli eroi della Storia e della mitologia accetta il proprio destino senza fiatare. Sì, lo ammetto, qui come nel film ho pianto leggendo la sua morte.

Di fronte a lui ci sono i wendol: mostri o retaggio del passato dell’uomo? Nell’appendice si fa riferimento agli uomini di neanderthal, come se una misteriosa tribù si fosse conservata intonsa, senza mai avere contatti e rapporti sociali ed economici col resto del mondo, mantenendo strutture sociali, forme religiose e modi di combattere di millenni prima. Il film invece li tratta più come i Berserki: uomini orso, semi umani, violenti e quasi invincibili. Di certo la prima versione (quella originale) dovrebbe essere la più corretta perché ipotesi voluta dall’autore, la seconda risulta più credibile leggendo la mitologia norrena.

Herger e ibn Fadlan

Ibn Fadlan risulta più un narratore semi distaccato nel libro che nel film, quasi fosse uno storico o un antropologo (figura più moderna, ma è per darvi l’idea del modo di fare) catapultato in una situazione fuori dal comune, che un attore vero e proprio di un dramma. Il rapporto coi vichinghi risulta sempre un po’ distaccato, rimarcando sempre la distanza fra questi due mondi e se non fosse per la curiosità di Buliwif e la traduzione di Herger non ci sarebbe modo di avere interazione. Ovviamente alla fine del libro la sua vita viene sconvolta e perderà il distacco, ma sarà sempre e comunque un arabo in mezzo ai normanni.

Se si legge il libro come un testo storico si verrà portati fuori strada, ma se lo si legge come un falso storico che racconta una leggenda allora vi farete trasportare in un mondo lontano, freddo e avvolto dalla bruma. Ricordatevi sempre di farvi riconoscere per tempo e con pazienza.

Voto: 7

Scheda tecnica

anno di pubblicazione: 1976

titolo originale: Eaters of the Dead

traduzione di Ettore Capriolo

casa editrice Garzanti, elefanti bestseller

finito di stampare maggio 2010 da Grafica Veneta s.p.a, Trebaseleghe (PD)

copertina: Ted Spiegel / Getty Images

progetto grafico: ushadesign

pagine 173