“Mazzo e rubamazzo” di Roberto Centazzo

P1060553_(2)_wm[1]
link al sito della tea libri.

Lo ammetto: mi aspettavo molto da questo romanzo viste le recensioni positive. E invece delusione piena. Perché? Perchè questo libro pare un romanzo introduttivo alla serie che riguarda la “squadra speciale Minestrina in brodo” ossia tre poliziotti in pensione che per una serie di motivi, oltre a dover cercarsi un secondo lavoro o addirittura in nero per sopravvivere, sentono che il richiamo della legalità non si è del tutto sopito e che non amano molto che certe cose vadano a beneficio dei “cattivi”. E invece è il quarto episodio della serie e allora qualcosa a me non quadra per nulla.

Eugenio Mignogna, Ferruccio Pammattone e Luc Santoro si chiamano fra di loro Semolino, Maalox e Kukident non se ne sono andati del tutto dalla polizia soprattutto Pammattone che mantiene un filo diretto e stretto con Efrem, poliziotto sotto copertura, e Lugaro a capo dell’indagine senza saper come fare. Siamo in una Genova in mutamento, dove l’immigrazione incontrollata ha creato sacche di delinquenza e malaffare che tutti conoscono ma che nessuno vuol vedere. Eppure non saranno loro il problema, nè tanto meno i veri delinquenti, ma anzi saranno i cosidetti “poteri forti” che zitti zitti decidono che la speculazione edilizia è il mezzo legale e alla luce del sole per aumentare i propri introiti. Cosa combianano i nostri eroi? Giocando fra le conoscenze personali, quelle fatte durante il servizio quando pur rimanendo su fronti opposti guardie e ladri iniziano a rispettarsi e a darsi una mano, e la loro capacità di conoscere la legge e saper come muoversi, riescono a mettere nel sacco gli speculatori.

spoiler allert!!!

Ma nessuno paga: nè per la morte di Patrizio il nipote di Peppe Gargiulo, nè per la morte “accidentale” di Don Parodi. Un giudice grazia usando la lentezza della legge un povero disgraziato rimasto incastrato dai suoi sfruttatori. E chi voleva speculare non lo può più fare.

fine spoiler

Quindi? Quindi un giallo all’italiana scritto da chi conosce da dentro i meccanismi della legge e della polizia e, forse con un pizzico di speranza (tipo quella che esce dal corno degli unicorni tanto per intenderci. Il corno!), vorrebbe che le cose andassero diversamente da quello che vede (Roberto Centazzo fa parte della polizia col grado di Ispettore Superiore, si può leggere nella sua biografia). O forse qualche volta va davvero così e noi cittadini non lo sapremo mai se non vedendo magazzini clandestini a fianco di mense per i poveri.

La narrazione è basata su cortissimi capitoli di tre o quattro pagine massimo, che seguono le vicende e i pensieri quotidiani dei nostri protagonisti e dei comprimari che girano attorno a loro. Scrittura scorrevole a piacevole, molto leggera e accogliente, che permette di leggere il libro in pochi giorni se uno avesse la velleità di fare le corse di lettura. I personaggi sono credibili e coerenti fra loro, anche alle prese con scelte personali che li mettono in crisi: leggeri, finalmente non per forza tormentati come se fossero eroi drammatici di qualche tragedia greca o del Bardo. Qualche caduta di stile c’è nel senso che qualche cliché letterario che va tanto di moda negli scrittori italiani contemporanei, si ritrova anche qua e sinceramente suona male in una narrazione che ha una leggerezza e una “normalità” inaspettata.

Voto: 5/6 Non arriva alla sufficienza, anche se dargli una sonora bocciatura è forse un po’ troppo. Il libro mi ha sempre lasciato con il dubbio che prima o poi sarebbe successo qualcosa di davvero investigativo e questo è successo negli ultimi capitoli quando tirano i fili di un piano congeniato alle spalle del lettore. Manca di adrenalina o di emozione che agganci il lettore alle pagine, cosa che che fa invece la scrittura e la narrazione.

Consigliato: a chi cerca una pausa dai drammi, dagli investigatori tormentati e dalle storie crude tipiche dei thriller. Leggerezza, appunto come la minestrina in brodo che sembra sempre scialba, ma quando si è un po’ sottosopra è il vero toccasana per riprendersi.

Scheda tecnica

anno di pubblicazione

casa editrice: Tea

stampato presso Grafica Veneta S.p.A  di Trebaseleghe (PD), printed in Italy

nel mese di gennaio 2019

copertina: foto© Marina Spironetti/ Alamy Stock Photo

foto dell’autore di Mauro Marone

Grafica Meccano Floreal

pagine 303

prezzo € 14,00

“Il banchiere assassinato” di Augusto De Angelis

il_banchiere_assassinato-augusto_de_angelis_wm[1]
Qui il link della Sellerio Editore.

Scoperto grazie a uno dei trafiletti de “La Lettura” del Corriere della Sera e letto grazie alle biblioteche civiche, ho avuto la fortuna di leggere un padre del giallo italiano, di cui non conoscevo l’esistenza. De Angelis scrive dagli anni 1912 fino 1943, anno in cui venne incarcerato dal regime e morì nel 1944 a seguito di un’aggressione fascista appena uscito dal carcere. La sua pagina wikipedia (è l’unica che in modo chiaro ci elenca i suoi scritti con le date. Alla fine serve solo a quello, perché sulla correttezza storica fa degli scivoloniiii…) ci segnala un buon numero di scritti fra romanzi e opere di storia, ma soprattutto ci fa vedere che la Rai alla fine degli anni ’70 aveva fatto lo sceneggiato con Paolo Stoppa nei panni del commissario De Vincenzi (qui il link e poi vediamo se su Raiplay si trova da vedere). Quando la Rai faceva le cose belle e ben fatte…altri tempi.

Torniamo a noi. Il romanzo è quasi una piece teatrale che si svolge in un sol luogo (quasi) e in un arco temporale molto ridotto: la casa della vittima e in 24 ore circa. Il nostro commissario è un poliziotto malgrado se stesso sembrerebbe, più interessato a leggere e a conoscere studi psicologici che a cercare di correre dietro ai malfattori. Eppure è proprio questo suo interesse ad aiutarlo a risolvere un omicidio che condannerebbe al carcere addirittura un suo caro amico. Perché tutte le prove sono contro Giannetto Aurigi, giovane di belle speranze ma ridotto al lastrico a causa di investimenti sbagliati, nella cui casa è stato trovato ucciso il banchiere Mario Garlini con un colpo alla testa. Eppure a De Vincenzi qualcosa non quadra, dettagli direte voi, ma quelli che alla fine non solo condannano al carcere il vero assassino, ma svelano anche altri misteri che avrebbero reso infelice più di una persona.

Il giallo si svolge in una Milano nebbiosa, fra i teatri e la bella vita, con famiglie decadute ma che non si arrendono e giovani rampanti che cercano di sbancare il banco; mentre la vicenda si svolge principalmente a casa dell’accusato, fra una camera e l’altra, da un divano alla sala e con una pendola che suona ogni ora. Alla prima questo fatto mi ha notevolmente disorientata perché il mio cervello continuava a pensare che gli interrogatori si facessero in commissariato e quindi ha fatto fatica a riorganizzare in modo spaziale lo svolgersi della vicenda. Ma alla fine bisogna adeguarsi a un sistema di costruizione del giallo molto diverso da quelli moderni e ritornare ai grandi classici. Non a caso De Angelis viene accostato a Simenon e De Vincenzi a Maigret. E il paragone salta all’occhio per quanto (e la cosa la posso solo scoprire leggendo gli altri romanzi italiani) le due figure siano molto diverse fra loro: entrambi hanno un rapporto umano e schietto, a volte paterno e a volte duro da braccio armato della legge; si trovano loro malgrado a dover affrontare non solo un delitto, ma le conseguenze umane che hanno portato a esso o che da esso sono scaturite; preferiscono “perdere tempo” con la fine arte della psicologia piuttosto che il pugno duro; entrambi agiscono ipoteticamente negli anni della loro pubblicazione e quindi negli anni ’30 dove le società, francese e italiana, sono a un punto di svolta politico e non solo. E poi la stufa! Lo so che è un dettaglio minuscolo, ma all’inizio del romanzo De Vincenzi ha a che fare con una stufa e il gesto mi ha ricordato Maigret che fa caricare la sua per combattere l’umidità o per asciugarsi gli abiti.

Il giallo è composto in modo tale da instradare il lettore allo svolgimento della vicenda e a indovinare l’assassino, scartando lentamente tutti i personaggi anche se ogni tanto ci sono piccole trappole che servono a sviare l’attenzione. Questa è l’impostazione del giallo classico, dove molti dettagli vengono seminati apposta sulla via per impedire al lettore di risolvere alla seconda pagina l’indagine. Eppure tutto ciò non svilisce minimamente la lettura, anzi: una prosa con un bellissimo italiano corretto, corposo, ma non ridondante (è stata una piacevolezza leggerlo e come mio solito mi sono cimentata a leggerne pezzi ad alta voce e rende benissimo. Esisterà l’audiolibro? Se no, bisognerebbe segnalarlo); personaggi strutturati senza essere fintamente esagerati; resa precisa e puntale dei rapporti fra di loro con le varie differenze di classe ma senza cadere nel servilismo stucchevole (siamo sempre in un’epoca di rottura, ma con le classi dominanti ben connotate e la vecchia nobiltà che non vuol minimamente cedere il comando). Non mi sbilancio ad aggiungere altro, perché questo primo romanzo il commissario, protagonista della serie, è evidentemente abbozzato ma già strutturato e Milano, altro protagonista a quanto pare, rimane di sfondo con i suoi teatri, i bistrò, le vetture che sfrecciano e la sua nebbia (che sono un abitante della pianura padana può capire e apprezzare nella sua pesantezza. Io infatti l’ho amata perché sembra quasi un’aiutante, insieme alla notte, per i delinquienti e i pensieri foschi).

Dettaglio molto interessante è la descrizione dell’indagine del medico “legale” e degli studi in auge legati alle indagini criminologiche. I primi anni del ‘900 sono stati davvero un salto scientifico anche per questo campo e, certo, fa un po’ tenerezza leggere dei gesti goffi e senza troppa strumentazione per paragonare le impronte digitali (per moltissimo tempo si fece a occhio nudo e con l’onestà e abilità dell’investigatore o del tecnico) e per determinare orario della morte o se l’omicida era destro o mancino. Senza quelle prove un po’ azzardate non avremmo i R.i.s..

Voto: 7 Primo di una serie, sicuramente incuriosisce per stile e per resa, con una penna elegante e deliziosa.

Consigliato: a tutti gli appassionati di gialli, noir di stampo classico; a coloro che sono esterofili nella lettura di genere; a coloro che dicono che in Italia non si sanno scrivere gialli; a coloro che amano le ambientazioni fra le due guerre mondiali.

Nota: Carlo Lucarelli ha scritto una serie ambientata più o meno nello stesso periodo (Repubblica di Salò e fine della seconda guerra mondiale), con il personaggio del commissario De Luca. Mi piace Lucarelli (più come divulgatore di cronaca nera che come scrittore ma va bene lo stesso), ma la differenza di stile e di profondità di comprensione del periodo si sente se si volessero paragonare i due personaggi e le serie. Questo è per dire, solamente, che recuperare gli scrittori originali di un periodo permette di comprendere meglio anche la crescita narrativa di un genere, posizionando ogni tassello al suo posto, ma anche di vedere come certi scrittori moderni si mettano in gioco raccontando a loro modo, con la sensibilità moderna e l’occhio dell’uomo distaccato, certi eventi e situazioni.

Scheda Tecnica:

anno di pubblicazione 1935

casa editrice: Sellerio Editore Palermo.

serie: La Memoria

stampato presso Officine Grafiche Riunite, Palermo, nel mese di aprile 2009

copertina: manifesto pubblicitario di Ernst Deutsh, 1914

pagine 212

prezzo € 12,00

 

“Omicidio sul ghiacciaio” di Lenz Koppelstatter

IMG_20181008_122720_492[1]
La trama dal sito del Corbaccio

Faccio una premessa fondamentale che c’entra poco con il libro, ma c’entra con me come lettrice: ci sono cose che non sopporto nella vita vera e quindi nemmeno nelle cose che leggo. Tendenzialmente evito romanzi che so che trattano argomenti che mi infastidirebbero (tranne affrontare argomenti storici o scientifici impegnativi. E’ in quei libri che impegno il mio lato critico e oggettivo), ma rimango spiazzata quando li trovo in libri in cui non sono fondamentali. Cosa non sopporto? I personaggi tutti negativi o incapaci o  macchiettistici: uno o due ci può stare, tutti no, è una casistica troppo alta. Sarà che nella vita vera di “casi umani” se ne incontrano fin troppi, a tal punto da dubitare l’assenza di Candid Camera nella propria vita o che la gente ci fa più che ci è per non pagare mai dazio. Seconda cosa che non reggo: i personaggi che non si adattano mai mai mai al luogo dove sono (che non è quello in cui stavano prima, amavano, che ritengono casa e in cui vorrebbero tornare), denigrando infantilmente tutto quello che vedono o sentono o con cui hanno a che fare. Terzo: se non ami il mare, ma ami la montagna non sei degno di essere considerato umano (qui mi fermo perché ho fatto grosse litigate dal vero con persone che pensano davvero queste cose. Io detesto il mare e non rompo le scatole a quelli a cui piacce). Poi ce ne sarebbero altre, ma queste son le cose che ho trovato nel romanzo in questione e che purtroppo hanno inficiato pesantemente il mio giudizio finale.

L’investigazione è un lineare susseguirsi di eventi, svelamenti e correlazioni fra personaggi e situazioni: lineare ma non scontato, lineare ma ramificato in più reati che alla fine vengono alla luce anche se non correlati fra loro. Un giallo all’italiana, dove di solito ci si occupa di cronaca nera, senza troppe stranezze, si svolge in quel modo dando a noi comuni mortali, almeno nella narrativa, di poter vedere la giustizia emergere e i cattivi pagare. É appagante leggere questi romanzi proprio perché da un senso di risoluzione comprensibile, uno spiraglio di positività, anche se prima si son lette nefandezze varie. I due investigatori, il commissario Grauner e l’ispettore Saltapepe, seguendo indagini personali e con metodi diversi, alla fine riescono ad assicurare almeno un colpevole alla giustizia per il reato (l’omicidio) commesso. Non aggiungo altro per non fare spoiler.

Le grida in quarta di copertina preannunciava un duo investigativo scoppiettante, ma a me è sembrato stantio e noioso. Grauner, classico burbero, amante delle tradizioni delle sue montagne, sembra un nonno di Heidi relativamente giovane, con le mucche da mungere prima di andare in commissariato ad occuparsi della giustizia; Saltapepe invece, giovane irruento napoleatano, cresciuto nella lotta senza mezzi contro la camorra, non si sa come (evvai!) spedito al noioso e banale nord, sembra un viziato ragazzino che vuole le cose sempre uguali, senza mai voler imparare dagli altri. Mi direte che probabilmente è voluto, perché i segnali di cambiamenti (soprattutto in Saltapepe) sono evidenti, che magari nelle prossime puntate si capiranno meglio le cose…noia. A me fanno noia. I libri dovrebbero vivere per sè stessi e non valutando ipotetiche puntate, le quali, se poi arrivano, possono aumentare la caratterizzazione del personaggio, ma senza prevaricare sul centro della trame: il reato e la sua risoluzione eventuale. Temo fortemente che questa sia una moda dell’editoria di genere, dove la serie è data per sicura e bisogna dare così spazio ai protagonisti da prevaricare sul resto. Ma alla fine non ci siamo innamorati lo stesso di Maigret o di Miss Marple, le cui vite sono comprensibili sono da minuscoli dettagli, da informazioni lasciate quasi per caso fra le pagine, come un leggero puzzle tutto da ricreare solo se appassionati lettori? Non li abbiamo amati spassionatamente proprio perché mettevano in carcere i cattivi, senza distrarci mai? Io sì.

Tornando al libro, di positivo ha sicuramente lo stile: secco, chiaro, senza abuso di perifasi o aggettivi a sproposito. La narrazione procede spedita e così permette una lettura veloce e piacevole. Lo svolgimento dell’investigazione poi tocca eventi di cronaca (il ritrovamento della mummia di Similaun) inquadrandoli in una comunità credibile, con le sue diatribe e fazioni e i suoi interessi. Ha un nucleo molto interessante questo libro che, nella mia lettura, è purtroppo passato in secondo piano e me ne dispiaccio.

Voto: 5

Consigliato A chi è incuriosito dalla vicenda di Oetzi e da quello che può capitargli attorno.

Scheda tecnica

traduttore Werner Maenapece

titolo originale: Der Tote am Gletscher. Ein Fall für Commissario Gauner

anno di pubblicazione 2015

casa editrice Corbaccio

stampato maggio 2018 presso Grafica Veneta S.p.A. di Trebaseleghe (PD). Printed in Italy

copertina illustrazione di Federico Paoli

grafica Elena Leoni / Booh.it

pagine € 16,90

prezzo 319

 

“Buchi nella sabbia” di Marco Malvaldi

IMG_20160129_103850
recensione dal sito della Sellerio

Malvaldi abbandona ancora una volta i suoi vecchietti e il bar Lume e si diletta a giocare con la storia e con l’opera creando un giallo scorrevole e agevole che si legge in una giornata senza nemmeno accorgersene. Abbandona anche il dialetto toscano tanto spinto, ma non rinuncia a una scrittura colloquiale, come se volesse strizzare l’occhio al lettore mentre racconta una storia, una chiacchiera intorno al fuoco. Questo è un pregio che adoro di Malvaldi: la leggerezza. La leggerezza è una qualità e non ha niente a che fare con la faciloneria o la sciattezza, ma è piuttosto quel modo di fare le cose senza appesantire chi la subisce, passando conoscenze e nozioni anche importanti.

Questa volta gioca con l’opera lirica, inscenando un omicidio di un tenore mentre viene messa in scena l’opera di Puccini “La Tosca” nel Teatro Nuovo di Pisa. E mischia monarchia, esercito regio, lealtà al monarca, la presenza del re, agli anarchici cavatori toscani, alle paure di rivoluzione sociale e di attentato. Insomma in una situazione alla “Dieci Piccoli Indiani” dove l’assassino non può che essere uno dei presenti, si mischia la Storia recente della nascita dell’Italia; infarcisce il tutto con nozioni sulla storia dell’opera, sulle scaramanzie e sui silenzi complici di attori, cantanti e manovalanza; mette in scena (è proprio il caso di dirlo) un giallo gradevole e storicamente credibile che ci riconsegna la sensazione di tornare indietro nel tempo con quel modo di fare e agire un po’ antiquato ma molto affascinante.

I personaggi sono ben curati o almeno meno macchiettistici di quanto ci si potesse aspettare, anche se alcuni sono un po’ sopra le righe. E poi scopri che sono realmente esistiti come Ernesto Ragazzoni, poeta e giornalista qui descritto con simpatie per gli anarchici. Malvaldi usa il suo alterego, scegliendolo fra quelli meno “credibili”, e lo fa muovere come un investigatore d’altri tempi, più attento alle parole che escono dalla bocca delle persone che all’indagine scientifica. Questo infatti è un nodo piacevole del libro: il ritorno all’investigazione secca. Non che non ci siano gialli così nel panorama letterario, ma devo essere sincera sono sempre meno, perché il fascino della scientifica anche applicata (in malo modo a volte) a tempi antecendenti è qualcosa che colpisce molti scrittori. Malvaldi invece rimane fedele a se stesso: investighiamo. Punto. E lo fa bene, con la scrittura scorrevole e piacevole, con un italiano sempre molto corretto (ora non è che gli altri non scrivano in italiano, ma è proprio quel tocco particolare che rende una scrittura piacevole, mentre un’altra stucchevole. Insomma l’italiano non è per tutti. E la cosa è valida anche per i traduttori e le traduzioni, che capisco che siano sempre un po’ più difficili, ma a volte ci si annoia proprio a leggerle).

Ora dopo questo bell’encomio, dopo avervi invogliato a leggere, metto l’unico neo: non è un libro eccezionale. Ovvero, si legge benissimo, la storia gira che è una meraviglia, è ben scritto, tutto sembra credibile, ma non è uno di quei libri per cui spenderei soldi e spazio nella libreria: va benissimo farselo prestare o prenderlo in biblioteca e magari riservare i soldi e lo spazio ad altri libri. Leggetelo, passatelo, consigliatelo perché un pomeriggio di leggerezza e relax Malvaldi ve lo assicura.

Voto: 6/7

Scheda tecnica

anno di pubblicazione: 2015

casa editrice: Sellerio Editore Palermo

finito di stampare  novembre 2015, presso la Leva Printing Srl- Sesto San Giovanni (MI), confezionato presso IGF s.p.a. – Alderio (TN); stampato su carta Palatina delle Cartiere di Fabriano.

copertina: manifesto pubblicitario di Martin Lehmann-Steglitz, 1910 circa (elaborazione grafica)

pagine 243