6 mesi di fantadistochallenge

SquareQuick_20203611287708[1]
tutte le foto e i commenti li trovate sulla mia pagina instagram

La fantadistochallenge è una lettura collettiva su instagram voluta dal profilo di Sonosololibri, ( se cliccate sul nome andati dritti dritti al suo bel blog), partita a settembre 2019 e si concluderà nell’agosto 2020. E’ una lettura collettiva tematica, dove ognuno può scegliere di leggere il libro che preferisce basta che si attenga al tema indicato.

 

 

 

Ecco i temi

settembre: un classico distopico con regime dittatoriale
ottobre: un distopico/fantascientifico che tratti di alieni o mutanti
novembre: un distopico/fantascientifico scritto fra il 1860 e il 1960
dicembre: un distopico scritto da una donna
gennaio: un post apocalittico
febbraio: un libro che tratti terrestri su un altro pianeta
marzo: un distopico/fantascientifico che tratti di robots/alieni
aprile: un distopico/fantascientifico ambientato nel nostro secolo
maggio: un distopico/fantascientifico scritto da un italiano/a
giugno: un ucronico
luglio: un distopico/fantascientifico con protagonisti bambini/adolescenti
agosto: un distopico/fantascientifico russo
Bonus: un distopico/fantascientifico che tratti di droghe

Ho preso l’occasione al volo per poter leggere una serie di libri il cui genere mi stava iniziando ad appassionare e anche poter conoscere una bookblogger con molta passione anche nerd.

Che cosa ho “imparato” da questi 6 mesi? Beh si impara sempre qualcosa ma alla fine leggere è “solo” leggere, anche se la fantascienza è un genere che obbliga a pensare quasi quanto un saggio sociologico: anticipa molti dei temi di medicina, scienza, sociobiologia, antropologia che il tempo ha dimostrato che l’uomo deve affrontare anche se ancora non abbiamo robot e non facciamo viaggi interstellari.

Settembre: “Qui non è possibile” di Sinclair Lewis.

La mia recensione sul mio blog la trovate qua.

Scritto nel 1935 e pubblicato in Italia in piena guerra, è un classico della distopia dittatoriale, ambientanto in America dove si assiste alla veloce scalata alla Casa Bianca del senatore Buzz Windrip e all’instaurazione di un regime dittatoriale e segregazionista e alla nascita, in contemporanea, di un sistema di resistenza e di patrioti. Un libro molto lento da leggere, ma molto interessante che in tanti hanno accostato alla scalata di Donald Trum alla presidenza americana. Credo che sia un po’ tirata per i capelli, anche se sicuramente sia il libro che la realtà sottolineano come dalla crisi della politica possa nascere una “non politica” dal pugno duro, convinta che con l’autoritarismo di risolvere i problemi e silenziare le differenze. Per fortuna la realtà ci sta dimostrando come, per ora, funzionino ancora gli anticorpi democratici che impediscono la veloce instaurazione di una dittatura. Altra cosa differente è che nel libro il presidente è un democratico e non un repubblicano come Trump. Vogliamo leggervi qualcosa? Senza scendere nella politologia da 4 blog che ognuno si sente in dover di spargere al web, credo che dovremmo comprendere che la nascita dei totalitarismi ha molti padri e madri e può evolversi in qualsiasi nido politico, soprattutto quando si è convinti al 100% della bontà delle proprie azioni e della totale negatività del nemico (non più avversario) politico: nel momento in cui non c’è più seria autocritica, ma solo una lotta lì nasce il totalitarismo di qualsiasi colore.

Proprio per quel motivo mi ha sorpreso che fosse stato scritto fra le due guerre, in un periodo molto delicato politicamente, e che in Italia fossero riusciti a pubblicarlo durante la II guerra mondiale. Mi piacerebbe trovare i dati di vendita e come venne accolto e con quali provocazioni letterarie e politiche. Alla fine in Europa stavano vivendo quello che era stato “profetizzato” (anche se le citazioni al nazismo sono chiare nel libro) qualche anno prima.

Ottobre: “Follia per sette clan” di P.K. Dick

Qui la mia recensione completa.

Cosa mi ha colpito? Sicuramente la modalità in cui vengono trattati e proposti i disturbi mentali umani e come alla fine Dick, forse in modo sornione, ci dica che nessuno di noi può scappare a una diagnosi e a una condanna dal mondo “normale”. In effetti dovremmo comprendere come essere “alieni” è qualcosa di molto terrestre, in quanto altro da me e come la malattia mentale possa alienare, ossia allontanare, un essere umano da tutto il resto dell’umanità condannandola a una lunga e recidiva condanna a un ergastolo sociale e medico a volte infinita e dolorosa.

Novembre: “Il giorno dei trifidi” di John Wyndham

La distopia è quel genere che pone il lettore di fronte all’inevitabile sconfitta del genere umano, in perenne lotta contro qualcosa o qualcuno in un mondo che sembra non aver più una ragion d’essere. Capisco che sia un po’ semplicistico, ma di per sè il genere non porta speranza anzi forse guardando nel vaso della Pandora letteraria anche quella è scappata. In questo romanzo, con elementi un po’ distaccati fra loro, mi sono trovata a seguire le vicende dei protagonisti con ineluttabile pigrizia, chiedendomi come fosse possibile ricostruire il mondo.

E qui devo aprire una parentesi e dire che come rievocatrice quando leggo un distopico rimango sembre un po’ arrabbiata, in quanto è vero che l’essere umano medio, oramai abituato ad aprire il portafoglio e comprare cose, non è più in grado di fare da solo qualcosa, ma al mondo esistono ed esisteranno artigiani in grado di plasmare la materia e farci saltar fuori un tavolo come una stoffa. Ragiono come rievocatrice, perché io nella mia imbranataggine sono riuscita a imparare i rudimenti della tessitura pur non essendo un’artigiana: il sapere è a nostra disposizione se vogliamo apprenderlo e non c’è nulla di misterico nell’usare le mani. Invece quello che detesto è che cade un meteorite? scoppia una guerra nucleare? e tutti imbravvisamente diventano inabili a tutto e manco un tea sanno farsi.

Dicembre: “Il mondo della foresta” di Ursula K. Le Guin

Un romanzo breve o un racconto lungo che mi ha colpito per quella che io ho visto una critica al colonialismo e alle sue brutture e ai tentativi di manipolazione e distruzione dell’altro. In un mondo dove l’equilibrio fra natura e popolazione vivente si basa sul rispetto e interscambio, l’entrata a gamba tesa degli umani in carenza di cibo e zone verdi da disboscare porta davvero lo stravolgimento totale costringendo gli indigeni a trasformare anche la propria natura pacifica per difendersi. Il colonialismo terrestre è stato uno dei momenti più distruttivi per le altre popolazioni umane, creando fenomeni distrorsivi quali lo schiavismo e la difesa per legge degli abusi; come la non salvaguardia degli ecosistemi sia una delle cause di sconvolgimenti e conflitti, ma nessuno vuole davvero affrontare la problematica.

Chi mi ha prestato questo libro mi ha messo la pulce nell’oreccho che questo romanzo possa essere stato usato come base per la scenggiatura di “Avatar”. Ne sapete qualcosa? In effetti gli elementi ci sono tutti, anche se i dettagli cambiano.

Gennaio: “La strada” di Cormac McCarthy

Aspettavo l’occasione per leggere questo libro da tanti osannato e temuto a tal punto che mi ero fatta un’altra idea e forse questo mi ha manipolato la lettura. Come sopra, per la distopia, il fatto che anche nel post apocalittico tutti abbiano perso qualsiasi conoscenza materiale mi manda in bestia e qui i due protagonisti, o meglio il padre è proprio uno sconfitto anche da sè stesso: incapace di costruire sapere e di condividerlo e passarlo al figlio, condanna entrambi alla morte certa, soprattutto mentalmente inerte. Il lungo cammino che fanno verso condizioni di vita migliori, in un mondo silenzioso e autodistrutto, porta entrambi a inutili discorsi che non costruiscono nulla. Come è possibile che non ci sia almeno il desiderio inconscio di permettere la continuità della specie? Forse questa sensazione, che io ho trovato fastidiosa e deludente, è il punto focale che porta i lettori a vederlo come un dramma da lacrime e struggimento. A me ha fatto solo una gran rabbia. Forse nel mio personale vaso di Pandora, malgrado tutto, c’è la speranza in fodno e la voglio conservare.

Febbraio: “3 per la vecchia luna” R. Jones, H.B Fyfe e F. Leiber

Tre racconti sul nostro unico satellite e tre modi di vedere la luna e di rapportarsi a lei: il primo divertente in piena idea espansionistica e di conquista dell’universo, il secondo drammatico dove quell’idea si scontra con la difficoltà dell’esplorazione e il terzo in chiave weird dove la luna non è più dalla nostra parte come alleata ma anzi ci incute e dimostra terrore.

La luna è e rimarrà il nostro orizzonte spaziale più vicino e nello stesso tempo quello che maggiormente influisce le nostre vite anche in condizioni molto personali e quindi ci può incutere terrore. Eppure lei finché rimarrà al suo posto ci consentirà una vita sulla Terra equilibrata e stagionale e questo alla fine ci dovrebbe rassicurare e ringraziarla.

Ecco, questi sono i 6 libri iniziali della lettura collettiva. Ho già iniziato a leggere i libri di marzo e saranno due, solo perché il primo per quanto bella alla fine era un racconto e mi son sentita un po’ in colpa a leggere robine piccole. In più, in questo momento di pausa forzata per Coronavirsu, eggià, non ho voglia di farmi abbattere dalle brutte notizie e voglio riuscire a sfruttare al meglio il tempo, anche leggendo qualcosa di più sostanzioso. Ringrazio pubblicamente la metro di Roma per permettermi di stare al passo con le letture della fantadistochallenge portandomi ogni mattina al lavoro e riportandomi a casa alla fine.

“Qui non è possibile” di Sinclair Lewis

Che questo libro sia ritornato in auge proprio nel periodo dell’elezione di Trump a presidente degli Stati Uniti non è poi una scoperta letteraria: qualsiasi distopia, la quale parli di nascita di un regime dittatoriale, potrebbe usata come mezzo di paragone per l’elezione di un presidente altamente divisivo e con dettagli potenzialmente dittatoriali. Dove sta la differenza? Che nelle distopie i sistemi democratici di controllo non funzionano più di colpo dalla sera alla mattina, mentre a volte nella realtà la complessa macchina burocratica e democratica impedisce l’ascesa di un potenziale dittatore. Alla soglia delle elezioni americane del 2020 il presidente eletto Trump non è riuscito a scardinare le strutture dello stato.

Il bello di questo libro non è il parlare a noi, viventi nel XXI secolo, con alle spalle due guerre mondiali, guerre civili in Europa, eventi terroristici di varia natura ideologica, ma è il parlare ai suoi contemporanei con una visione di una chiarezza allarmante: qualsiasi demagogo che vi promette “tutto e subito” senza spiegarvi come e a danno di chi non è molto diverso da quello che sta parlando ora in Germania e risponde al nome di Hitler. Beh nemmeno di Stalin parla esattamente così bene ad essere sinceri.

Questo libro venne pubblicato nel 1935 in un periodo di forte crisi politica, ideologica ed economica: quello che la prima guerra mondiale non era riuscito a sopire, sobbolliva imperioso e deleterio sotto i piedi di intere nazioni.

P1070056 copia _wm
Attenzione alla lettura dell’articolo perché rivela la trama, ma ci sono curiosità utili da wikipedia

Ma andiamo al romanzo.

Cosa sarebbe successo se nelle elezioni del 1936 invece che essere rieletto Franklin Delano Roosevelt fosse stato eletto il “democratico” senatore Berzelius Windrip? Che l’America avrebbe avuto tutt’altra storia e invece di essere considerata la patria della libertà e della salvezza per milioni di ebrei europei (e non solo loro) ed essere fra le nazioni che si sono sedute non solo dalla parte dei liberatori ma anche di coloro che decidevano le sorti del resto del mondo a fine guerra. La storia che il presidente Windrip avrebbe dato alla sua patria sarebbe stata una nascente dittatura con tutti i “crismi” del regime totalitario: eliminazione lenta e inesorabile di tutta la classe dirigente non allineata, di tutti gli intellettuali e insegnanti non allineati; intolleranza verso ebrei e neri; riduzione dei diritti civili; segregazione delle donne. Oplà! E la dittatura è fatta! Senza nemmeno avere un vero ostacolo, perché il libro ci racconta attraverso la vita del direttore di giornale Doremus Jessup come sia stato veloce e “indolore” ascendere al potere, eliminare i diritti e instaurare una dittatura. Credo che Lewis abbia voluto dare una scossa ai suoi connazionali avvisandoli che una totale indifferenza alle cose pubbliche, un lasciar fare agli altri senza interessarsi permette alla pancia del paese di prendere il sopravvento. Sia chiaro: la pancia vale quanto il cervello in un corpo e quando questa non ha cibo da elaborare inizia a dare segnali controproducenti per tutti, ma da qui a seguirla senza senso ve ne passa. Windrip fa promesse alla pancia, a quella classe lavoratrice sotto pagata probabilmente, ma che in ogni modo si sente sfruttata dalle classi abbienti considerate forse parassitarie per non compiere i duri lavori fisici. Promette “5mila dollari all’anno” a tutti i cittadini, senza mai spiegare come li troverà e a chi li prenderà per darli a loro: un cane molto bello ma che si morde la coda. Ed ecco che vengono istituiti i “Minute Men” o “M.M.” forza paramilitare che fa rispettare l’ordine, diventando man a mano la vera forza bruta e tangibile del regime.

Chi è Doremus Jessup? Un tranquillo e agiato direttore di un giornale di provincia il quale con molta fermezza, ma senza una vera preoccupazione, si oppone alla scalata di Windrip, sicuro delle difese democratiche dello stato. Ben presto si accorgerà che niente era così sicuro come credeva e per quanto lontano sia dalle idee del presidente, come di quelle comuniste (diciamocelo che gli americani col comunismo hanno grossi problemi e non riescono mai a farselo passare, nemmeno in un romanzo distopico), tenterà di alzare la voce per rivendicare il diritto di libertà e giustizia. Troppo tardi però. Pagherà di prima persona e anche la sua famiglia verrà sconvolta al suo interno. Eppure questo uomo che non voleva altro che una vita normale, abitutato alle sue consuetudini, si troverà prima in prigionia, poi in un campo di concentramento per poi assumersi l’onere di quello che noi abbiamo chiamato “partigiano”. Il libro si conclude con l’inizio del periodo della “riconquista” del diritto, lasciando al lettore come si svolgerà.

Questo libro, come molti di genere distopico, sono dei veri campanelli d’allarme, a volte inascoltati e a volte esagerati; sono di sicuro la cassa di risonanza delle paure e anche delle paranoie di scrittori e lettori, ma vorre soffermarmi sulle date di pubblicazione di questo libro: 1935 in America, 1944 in Italia. Sono momenti che a posteriori sappiamo definire e identificare, con una buona analisi storica, ma allora come venne preso? Ammetto di non aver trovato il peso ideologico di questo libro sia in America (per quanto venne ben accolto e probabilmente usato come avvertimento) che in Italia nei tempi che uscì, visto che è chiarissima la lettura di come nasce un regime populista con stampo fascista, senza per forza avere influenze esterne (in questo caso non vi è nessun contatto costituente con il nazismo di Hitler o il fascismo di Mussolini, se non sporadiche citazioni. L’America con Windrip si autoisola).

Questo libro è stato ritradotto per usarlo politicamente e la cosa è limitante a mio parere. Perché sinceramente, forse sono un po’ Doremus anche io, credo poco che sia possibile adesso una scalata di un dittatore, perché per quanto la politica sia in piena crisi (ovunque), i sistemi di controllo democratici funzionano ancora (le camere, la costituzione, gli organi decisionali), anche se la pancia di ogni stato rumoreggia fomentata da pifferai ben agguerriti. In più è molto facile dare addosso a Trump (forse anche troppo, ma chissene), ma il libro sottolinea che né Hitler né Stalin sono esempi da seguire e le stesse forze partigiane hanno aspetti comunisti come non comunisti (come avvenne veramente nella Storia). Quindi non è che bisogna puntare questo libro addosso a un solo scomodo e pericoloso personaggio, ma guardare da ogni parte, perché il pericolo può arrivare da ogni parte. Forse è questa la lezione di Lewis, la sua paura di allora concretizzata in Europa (ma non solo) e per fortuna non da lui (Roosevelt venne rieletto): guardati da chi fa facili promesse, non abbassare mai l’attenzione e quando toccherà agisci anche mettendo in pericolo la propria vita senza perdere tempo prezioso.

Lo stile è scorrevole e piacevole, la prosa scivola velocemente anche troppo (o mi distraggo facilmente io oppure ogni tanto si dà per scontato qualcosa), ma non ci sono intoppi o pesantezze. L’evoluzione della vicenda scorre velocemente e dà proprio la sensazione di qualcosa di impossibile da arrestare.

Consigliato: a tutti, soprattutto ai ragazzi degli ultimi anni delle superiori, perché possano farsi una coscienza critica e attenta dei sentori fra le due guerre mondiali non solo per interesse storico, ma anche per essere pronti ad affrontare il loro contemporaneo. Il senso critico si allena anche con la narrativa senza bisogno di saggi introduttivi più o meno orientati politicamente.

Voto: 7 e mezzo. Bella lettura, provocatoria, che arriva al cervello senza per forza far del male al resto del corpo (basta il cervello).

Vi segnalo qualche link per la lettura:

internostorie

critica letteraria

il rifugio dell’ircocervo

SCHEDA TECNICA

Titolo originale “It Can’t Happen Here”

traduttore Gaetano Carancini

anno di pubblicazione 1935

casa editrice Jandi Sapi

stampato 1944 maggio

pagine 319