Articoli con tag: Melville Herman

Buon compleanno Melville

Oggi nessun doodle di google. Si vede che il padre della balena bianca non se lo merita. Mi spiace che alla google siano così poco informanti o interessati, ma soprattutto che non siano pari partiti su una baleniera a caccia della più grande e temibile bestia dei mari. Peggio per loro, mi vien da dire.

Ammetto che io per prima non lo conosco abbastanza, anzi per niente, per dirne il valore letterario nella storia della letteratura mondiale, ma so che mi ha regalato fra i migliori sogni e fantasie, insieme a Salgari.

Lessi “Moby Dick” da bambina al mare a Pesaro. Lo leggevo di notte e poi di giorno guardavo l’Adriatico (nel punto più basso e piatto che possa avere attorno alla costa italiana o almeno così mi è sempre parso) e speravo di vedere uno sbuffo bianco uscire dalle acque, sognavo di salire sugli scogli e poi vedere il mostro e magari affrontarlo o salvarlo dalla vendetta di Achab. Quali avventure! Quali sogni! Quali grandezze! Ecco cosa fece quel libro (e non solo quello devo ammettere) nella mia infanzia!

Melville è per gli oceani del mondo quello che Omero è per il Mediterraneo orientale. In un formidabile romanzo, Moby Dick (1851), egli ha scritto la storia della grande balena Moby Dick e del suo cacciatore, il capitano Achab, e creato così il più grande epos dell’oceano in quanto elemento. (Carl Schmitt)

Herman Melville

http://www.nytimes.com/2006/11/10/travel/escapes/10trip.html?pagewanted=all&_r=0 A New Bedford al museo delle balene c’è una statua in onore di Melville e della sua opera immortale.

il duello

Alcuni film sono stati tratti dal libro, ma di certo quando pensiamo ad Achab ci ciene in mente la magistrale interpretazione di Gregory Peck (che però ricorda un po’ Abramo Lincoln…).

Anche se questa versione di Topolino con Paperone nelle vesti di Achab è un omaggio nel’omaggio. Meravigliosa!

Credo che un libro valga proprio per quel suo modo di rimanerti dentro per anni, al di là del ricordo delle parole o della sequenza esatta, per quel suscitare al solo nominarlo le emozioni forti che solo la lettura può dare. E allora solo per questo potere l’autore che lo ha scritto entra di diritto nell’Olimpo della propria Letteratura.

Grazie Herman Melvill e buon compleanno!

Categorie: Autori, Libri | Tag: , | Lascia un commento

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.