“Il banchiere assassinato” di Augusto De Angelis

il_banchiere_assassinato-augusto_de_angelis_wm[1]
Qui il link della Sellerio Editore.

Scoperto grazie a uno dei trafiletti de “La Lettura” del Corriere della Sera e letto grazie alle biblioteche civiche, ho avuto la fortuna di leggere un padre del giallo italiano, di cui non conoscevo l’esistenza. De Angelis scrive dagli anni 1912 fino 1943, anno in cui venne incarcerato dal regime e morì nel 1944 a seguito di un’aggressione fascista appena uscito dal carcere. La sua pagina wikipedia (è l’unica che in modo chiaro ci elenca i suoi scritti con le date. Alla fine serve solo a quello, perché sulla correttezza storica fa degli scivoloniiii…) ci segnala un buon numero di scritti fra romanzi e opere di storia, ma soprattutto ci fa vedere che la Rai alla fine degli anni ’70 aveva fatto lo sceneggiato con Paolo Stoppa nei panni del commissario De Vincenzi (qui il link e poi vediamo se su Raiplay si trova da vedere). Quando la Rai faceva le cose belle e ben fatte…altri tempi.

Torniamo a noi. Il romanzo è quasi una piece teatrale che si svolge in un sol luogo (quasi) e in un arco temporale molto ridotto: la casa della vittima e in 24 ore circa. Il nostro commissario è un poliziotto malgrado se stesso sembrerebbe, più interessato a leggere e a conoscere studi psicologici che a cercare di correre dietro ai malfattori. Eppure è proprio questo suo interesse ad aiutarlo a risolvere un omicidio che condannerebbe al carcere addirittura un suo caro amico. Perché tutte le prove sono contro Giannetto Aurigi, giovane di belle speranze ma ridotto al lastrico a causa di investimenti sbagliati, nella cui casa è stato trovato ucciso il banchiere Mario Garlini con un colpo alla testa. Eppure a De Vincenzi qualcosa non quadra, dettagli direte voi, ma quelli che alla fine non solo condannano al carcere il vero assassino, ma svelano anche altri misteri che avrebbero reso infelice più di una persona.

Il giallo si svolge in una Milano nebbiosa, fra i teatri e la bella vita, con famiglie decadute ma che non si arrendono e giovani rampanti che cercano di sbancare il banco; mentre la vicenda si svolge principalmente a casa dell’accusato, fra una camera e l’altra, da un divano alla sala e con una pendola che suona ogni ora. Alla prima questo fatto mi ha notevolmente disorientata perché il mio cervello continuava a pensare che gli interrogatori si facessero in commissariato e quindi ha fatto fatica a riorganizzare in modo spaziale lo svolgersi della vicenda. Ma alla fine bisogna adeguarsi a un sistema di costruizione del giallo molto diverso da quelli moderni e ritornare ai grandi classici. Non a caso De Angelis viene accostato a Simenon e De Vincenzi a Maigret. E il paragone salta all’occhio per quanto (e la cosa la posso solo scoprire leggendo gli altri romanzi italiani) le due figure siano molto diverse fra loro: entrambi hanno un rapporto umano e schietto, a volte paterno e a volte duro da braccio armato della legge; si trovano loro malgrado a dover affrontare non solo un delitto, ma le conseguenze umane che hanno portato a esso o che da esso sono scaturite; preferiscono “perdere tempo” con la fine arte della psicologia piuttosto che il pugno duro; entrambi agiscono ipoteticamente negli anni della loro pubblicazione e quindi negli anni ’30 dove le società, francese e italiana, sono a un punto di svolta politico e non solo. E poi la stufa! Lo so che è un dettaglio minuscolo, ma all’inizio del romanzo De Vincenzi ha a che fare con una stufa e il gesto mi ha ricordato Maigret che fa caricare la sua per combattere l’umidità o per asciugarsi gli abiti.

Il giallo è composto in modo tale da instradare il lettore allo svolgimento della vicenda e a indovinare l’assassino, scartando lentamente tutti i personaggi anche se ogni tanto ci sono piccole trappole che servono a sviare l’attenzione. Questa è l’impostazione del giallo classico, dove molti dettagli vengono seminati apposta sulla via per impedire al lettore di risolvere alla seconda pagina l’indagine. Eppure tutto ciò non svilisce minimamente la lettura, anzi: una prosa con un bellissimo italiano corretto, corposo, ma non ridondante (è stata una piacevolezza leggerlo e come mio solito mi sono cimentata a leggerne pezzi ad alta voce e rende benissimo. Esisterà l’audiolibro? Se no, bisognerebbe segnalarlo); personaggi strutturati senza essere fintamente esagerati; resa precisa e puntale dei rapporti fra di loro con le varie differenze di classe ma senza cadere nel servilismo stucchevole (siamo sempre in un’epoca di rottura, ma con le classi dominanti ben connotate e la vecchia nobiltà che non vuol minimamente cedere il comando). Non mi sbilancio ad aggiungere altro, perché questo primo romanzo il commissario, protagonista della serie, è evidentemente abbozzato ma già strutturato e Milano, altro protagonista a quanto pare, rimane di sfondo con i suoi teatri, i bistrò, le vetture che sfrecciano e la sua nebbia (che sono un abitante della pianura padana può capire e apprezzare nella sua pesantezza. Io infatti l’ho amata perché sembra quasi un’aiutante, insieme alla notte, per i delinquienti e i pensieri foschi).

Dettaglio molto interessante è la descrizione dell’indagine del medico “legale” e degli studi in auge legati alle indagini criminologiche. I primi anni del ‘900 sono stati davvero un salto scientifico anche per questo campo e, certo, fa un po’ tenerezza leggere dei gesti goffi e senza troppa strumentazione per paragonare le impronte digitali (per moltissimo tempo si fece a occhio nudo e con l’onestà e abilità dell’investigatore o del tecnico) e per determinare orario della morte o se l’omicida era destro o mancino. Senza quelle prove un po’ azzardate non avremmo i R.i.s..

Voto: 7 Primo di una serie, sicuramente incuriosisce per stile e per resa, con una penna elegante e deliziosa.

Consigliato: a tutti gli appassionati di gialli, noir di stampo classico; a coloro che sono esterofili nella lettura di genere; a coloro che dicono che in Italia non si sanno scrivere gialli; a coloro che amano le ambientazioni fra le due guerre mondiali.

Nota: Carlo Lucarelli ha scritto una serie ambientata più o meno nello stesso periodo (Repubblica di Salò e fine della seconda guerra mondiale), con il personaggio del commissario De Luca. Mi piace Lucarelli (più come divulgatore di cronaca nera che come scrittore ma va bene lo stesso), ma la differenza di stile e di profondità di comprensione del periodo si sente se si volessero paragonare i due personaggi e le serie. Questo è per dire, solamente, che recuperare gli scrittori originali di un periodo permette di comprendere meglio anche la crescita narrativa di un genere, posizionando ogni tassello al suo posto, ma anche di vedere come certi scrittori moderni si mettano in gioco raccontando a loro modo, con la sensibilità moderna e l’occhio dell’uomo distaccato, certi eventi e situazioni.

Scheda Tecnica:

anno di pubblicazione 1935

casa editrice: Sellerio Editore Palermo.

serie: La Memoria

stampato presso Officine Grafiche Riunite, Palermo, nel mese di aprile 2009

copertina: manifesto pubblicitario di Ernst Deutsh, 1914

pagine 212

prezzo € 12,00

 

Annunci

“Il telefono senza fili” di M. Malvaldi

articolo da cui è tratta l’immagine http://www.leggeremania.it/2014/09/25/il-telefono-senza-fili-marco-malvaldi-uscita/

Senza ombra di dubbio tornare a leggere Malvaldi è un piacere per vari motivi:

1. storie normali, gossip normali, contemporaneità;

2. brevità del racconto;

3. personaggi, anche nella loro stravaganza, assolutamente realistici;

4. umorismo.

Non è che non ami altri generi di racconti più esagerati od oscuri, lo sapete bene, le vedete le altre mie letture, ma mi rendo conto che spaziare su altri registri, lasciarsi andare a una sorta di leggerezza che non vuol dire semplicismo è di certo un piacere. Ritornare al Bar Lume, ritrovare i personaggi amati è come tornare al mare al lido dove andavi da ragazzina e ripensare con piacere alla compagnia di allora: no commiserazione, sì beatitudine.

Purtroppo negli ultimi due anni ho perso un po’ l’attenzione nel seguire le saghe e mi sono resa conto che quello che è stato maggiormente colpito è stato proprio il povero Malvaldi di cui ho sicuramente perso due puntate letterarie della sua saga. C’è una spiegazione per tutto ciò? Distrazione, faccio  mea culpa. Semplicemente distrazione. Rimedierò con calma, ma non ho più veramente l’affanno nel star dietro alle cose come se dovessi timbrare cartellino. Così mi ritrovo a dover arrancare su certi passaggi di vita privata dei protagonisti, anche se forse non deve essere successo troppo, ma una cosa importante c’è stata: cambio di commissario. E qui sono rimasta basita. La motivazione è dovuta al fatto che il cambio prevede anche un cambio di sesso del suddetto personaggio, facendo apparire sulla scena questa Alice Martelli che subito si è incastrata bene con il resto della banda. Se la motivazione narrativa c’è ed era forse un po’ “scontata”, ma motivazione stilistica mi sfugge o purtroppo mi fa nascere il dubbio che la serie televisiva abbia forzato la mano all’autore. Sì, sono sospettosa, ma troppi cambiamenti forzati della serie, qui vengono risistemati in modo più coerente e logico o almeno come vorrebbe il padrone di casa; e se la parentela fra Massimo e Ampelio non si può cambiare (e sinceramente va bene così), tutto il resto sì. E’ un dubbio, una conferma, un sospetto? Non saprei dire, ma la sensazione è stata fortissima e ammetto un po’ sgradevole. Più leggevo e più mi rendevo conto che il rischio autoemulazione, rimanere incastrati nel personaggio e stanchezza siano dietro l’angolo, per quanto tutto giri perfettamente, sia un suo buon libro, ci sia ritmo e il giallo sia un buon caso di cronaca nera.

Il potere di questi libri è di parlare di piccola cronaca nera di provincia, di corna, di denaro, di passioni, di approfittatori e vicini di casa. Malvaldi sa come scriverla e come farla arrivare con leggerezza al lettore; non ha perso la mano, non ha perso l’umorismo, nemmeno ha virato in altra maniera; ma si sente forse un inizio di stanchezza. E’ davvero così? Necessita l’autore di lasciare al suo destino il Bar Lume per un po’ e tornare fra qualche tempo? Marchino, Tiziana, Massimo e i 4 vecchietti vanno seguiti passo passo nella loro vita? Mah…dipende forse anche da quante serie vuole farci sky (e soprattutto rovinare i libri, mi tocca dire).

So che sembro un disco rotto, ma per me la lettura è stata “rovinata” da questa sensazione, mentre alla fine dovevo leggere a voce alta il toscano stretto (altra deviazione alla Camilleri ultima maniera, troppo siculo stretto, con rischio di non comprensione); mentre sorridevo delle situazioni e dello svolgimento; mentre seguivo avidamente lo svolgimento dell’indagine. Perché il libro si legge benissimo, scorre perfettamente, ti tiene attaccato alla lettura e in un giorno si può anche finire, ma non è all’altezza dei precedenti. E perché a me Malvaldi piace come scrive, perché sembra che scriva col sorriso.

Voto: 6/7

Scheda

Casa editrice Sellerio Editore Palermo

anno di pubblicazione settembre 2014, su carta Palatina prodotta dalle Cartiere di Fabriano con materie prime provenienti da gestione forestale sostenibile.

illustrazione di Blanca Gómez, 2009 (elaborazione grafica)

 

“Pista nera” di Antonio Manzini

Mi sono ritrovata a leggere uno dei perdenti al sondaggio del Giro d’Italia Letterario riguardante la Val d’Aosta e devo ammettere che è un peccato che abbia perso perché il libro è godibilissimo e un giallo che fila bene come pochi. Bon. Finita la recensione, al prossimo! Ma no, come siete! 😀

http://sellerio.it/it/catalogo/Pista-Nera/Manzini/5503

In ottica del Giro il libro ci presenta la regione nel suo lato migliore o almeno quello più d’impatto: la montagna. Ed è qui, fra il freddo micidiale e le piste da sci che si dipana la nostra storia e il nostro omicidio. Trovare un corpo spappolato sotto le “ruote” di un gatto delle nevi è per il nostro vicequestore (non commissario!) Schiavone una vera “gatta da pelare” (pardon!), ma una serie di piccoli indizi lo conduce alla risoluzione del tutto.

Diciamo che in soldoni la vicenda non è delle più complicate e scabrose, anche il pregio dell’autore è di aver riportato il giallo nell’ottica della cronaca nera “normale” lontana dal paranormale, dai serial killer esagerati. E’ un pregio che apprezzo molto nei giallisti italiani che posso anche essere accusati di essere “banali”, ma alla fine risultano molto più credibili di altri mostri sacri della letteratura. Almeno qui il lettore non deve fare un atto di fede, un patto con lo scrittore per credere a ogni cosa scritta, qui ci mette del suo magari ricordando quello che ha  letto o sentito alla tv del tal omicidio insoluto o meno.

Quale diventa il vero punto di forza di un romanzo giallo? L’investigatore. E qui Manzini ha cercato di creare un personaggio tutto suo, uno che non rimanga solo nelle pagine scritte, ma che passi nell’immaginario collettivo, che diventi “uno di noi”, cercando di uscire da ogni altro immaginario. E devo dire che a me questo Rocco Schiavone non è piaciuto. Sicuramente intrigante il fatto che sia stato trasferito da Roma ad Aosta per un fatto non meno capito; bello vedere come in realtà “umanamente” sia molto diverso da quello che appare nelle prime pagine; interessante capire come un romano de’ Roma con i suoi schemi fissi debba adattarsi al luogo dove si trova, pena l’estinzione dal genere umano; ma è troppo. Troppo non poliziotto, troppo illegale, troppo intelligente, troppo sul pezzo. Troppo gigione. E’ rude e scaltro come è il Maigret dei telefilm, è amante delle belle donne sulla falsa riga di Montalbano, è un non poliziotto quando gli gira, sa seguire la pista come il miglior cane poliziotto, conclude le indagini nel modo meno credibile del mondo. E’ il classico personaggio che o lo si ama o lo si odia e così sarebbe anche nella vita reale, ma che io per questo suo modo di stare sopra le righe, di pensare al proprio tornaconto, di essere un po’ l’immagine dell’Italia che io detesto (quella dei furbi e dei ricattabili alla fine), questo personaggio non lo amo e per tutto il libro l’ho bellamente detestato.

Questo mi fermerà da leggere i prossimi libri della serie? Non credo. Complice il fatto che i libri precedenti mi hanno demoralizzato, questo è stato una vera boccata d’aria e sono curiosa di vedere cosa succederà ancora fra quelle montagne e se il nostro investigatore crederà di essere ancora furbo…

Voto: 6/7